Crea sito

MONTEZEMOLO SI CONSOLERA’ CON 27 MILIONI DI LIQUIDAZIONE E LA PRESIDENZA DI ALITALIA

Ultimo aggiornamento

LE CIFRE BALLAVANO MOLTO, POI LA NOTA DELLA FERRARI. PIU’ VOCI LO DANNO COME PRESIDENTE DELLA NUOVA CORDATA DELLA COMPAGNIA DI BANDIERA. INTANTO DEVE ANCHE RISOLVERE I GUAI CON NTV
Dopo 41 anni (non continui) di onorato servizio, prima al fianco del grande Enzo Ferrari, poi come Amministratore delegato e infine come Presidente (gli ultimi 23, dal 1991), Luca Cordero di Montezemolo ha lasciato la Presidenza della Ferrari. Una decisione che forse andava presa un po’ prima, visto che il Cavallino rampante non vince più dal 2008 (anno in cui vinse il Titolo Costruttori) e ha collezionato una serie di figuracce. In concomitanza, non casuale, con l’addio del duo Michael Schumacher-Jean Todt. Due grandi personaggi voluti proprio da lui. La brutta sconfitta della “rossa” proprio a Monza ha dato il colpo di grazia a una situazione già barcollante da tempo, con l’Ad di Fiat, Sergio Marchionne, che già da tempo tirava frecciatine in tal senso. Montezemolo se ne andrà ufficialmente a ottobre, il 13, quando saranno festeggiati i 60 anni della Ferrari in America e sarà anche presentata la nuova Spider Ferrari. Sotto la sua Presidenza, la Ferrari ha vinto sei campionati piloti e sette campionati costruttori. A consolarlo una lauta liquidazione e una probabile poltrona da Presidente nella neonata Alitalia Etihad. Ma deve anche affrontare i problemi di Ntv.

LE CIFRE BALLERINE SULLA LIQUIDAZIONE – Nell’incontro a Maranello, dove l’amministratore delegato della Fiat ha partecipato alla kermesse di due giorni della Philip Morris, sponsor del Cavallino, potrebbero essere stati concordati i tempi del divorzio. La cui ufficialità è arrivata oggi. È rebus al momento sulla buonuscita sicuramente milionaria. Le ricostruzioni più fantasiose parlavano di cifre iperboliche comprese tra 300 e 500 milioni, cioè la somma massima che Fiat era disposta a pagare agli azionisti dissenzienti pur di portare a casa la fusione con Chrysler.
Poi una nota Ferrari ha chiarito questo punto: a Montezemolo spetterà una liquidazione di 27 milioni di euro. La Fiat spiega in una nota che all’ex presidente della rossa sarà corrisposta un’indennità di fine mandato pari a 13 milioni e 710 mila euro. In aggiunta saranno a lui corrisposti altri 13 milioni e 253 mila euro a fronte dell’impegno di Montezemolo a “non svolgere attività in concorrenza con il Gruppo Fiat”.
PRESIDENTE ALITALIA? – Davanti a Luca Cordero di Montezemolo ora si apre l’impresa sulla quale l’Italia intera scommette non solo la faccia: Alitalia-Etihad.   Perchè secondo indiscrezioni confermate ieri da fonti qualificate, banche creditrici, Etihad e Palazzo Chigi sono convinti che il nome di Montezemolo sia la migliore opzione da spendere per guidare un’azienda che ha e avrà ancora di più con gli arabi la missione di portare il made in Italy nel mondo e portare in Italia tanto turismo. Quando accadrà? È solo questione di tempo. Probabilmente l’investitura non arriverà prima della pronuncia dell’Antitrust di Bruxelles sull’ingresso del socio di Abu Dhabi e sulla partecipazione di Poste nel capitale della compagnia. Ma anche questo passaggio cruciale non dovrebbe far slittare l’evento oltre la fine di ottobre: al massimo si parla di novembre.
D’altra parte, proprio Montezemolo ha seguito in prima linea la trattativa tra Roma e Abu Dhabi. E non solo perchè nell’ultimo anno è stato uno degli interlocutori italiani più ascoltati dall’emiro Khalifa bin Zayed Al Nahayan. Tra maggio e giugno scorso si deve proprio a Montezemolo il riavvio di una trattativa di fatto incagliata. Così, il ruolo di «facilitatore» molto caro allo stesso presidente della Ferrari, sembra ora più che mai il miglior viatico verso la presidenza di Alitalia. Anzi. C’è chi pensa che l’ingresso al vertice di Alitalia sarà anche accompagnato da una partecipazione (non simbolica) al capitale nella compagnia aerea, a dimostrazione dell’impegno non formale ma sostanziale che Montezemolo sarebbe pronto a garantire. Del resto, non si può certo dire che il fondatore del Fondo Charme sia a corto di risorse, visto che oltre alla liquidazione a tre cifre che potrebbe arrivare presto dalla Ferrari, può contare sui frutti della campagna dismissioni dell’ultimo anno e mezzo proprio in casa Charme.
I PROBLEMI DI NTV – Va però anche detto che sul fronte degli impegni nelle prossime settimane Montezemolo dovrà seriamente occuparsi di un’altra sua creatura: la Ntv fondata nel 2006 con Diego Della Valle e Gianni Punzo con i quali condivide una quota del 33,5%. A poco più di due anni dalla partenza del primo treno Italo, non basta la crescita di fatturato e viaggiatori a limitare le perdite. La guerra dei prezzi scatenata da Trenitalia e il decreto competitività del ministro dello Sviluppo, Federica Guidi, che mette fine al regime tariffario agevolato introdotto nel 1963, rischiano infatti di mettere davvero in crisi una società che per il momento dovrebbe essere a caccia di un aumento di capitale da almeno 100 milioni di euro.
Non tutte le ciambelle finiscono con il buco, neppure per Monteprezzemolo. Forse sognava un’uscita diversa dalla Ferrari (letteralmente rimosso da Marchionne e dagli insuccessi) e deve pure fare i conti con le grane di Ntv. A ciò va aggiunto lo scarso successo in politica, col suo progetto Italia futura naufragato assieme al flop di Mario Monti alle elezioni.

0 Risposte a “MONTEZEMOLO SI CONSOLERA’ CON 27 MILIONI DI LIQUIDAZIONE E LA PRESIDENZA DI ALITALIA”

  1. sembra una cifra enorme,ma pensando che in vent'anni ha portato al podio centinaia di volte le rosse,e vinto svariati mondiali sia piloti che costruttori,non m i sembra altissima.Mi meraviglia,invece,i cosiddetti "manager" pubblici che portando dei conti in rosso alle aziende statali,si prendono cifre anche piu' corpose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.