Mostro di Loch Ness, ricerca ci dirà la verità

Cosa ne pensi?
1

Il mostro di Loch Ness esiste? Per secoli ha affascinato e impaurito curiosi e visitatori. Adolf Hitler bombardò perfino il lago per ucciderlo. C’è chi lo ha dipinto, chi ci ha scritto articoli, chi romanzi. Gli avvistamenti presunti o reali sono innumerevoli, benché da un po’ vadano scemando. Forse l’argomento non interessa più di tanto. Già, perché anche i mostri e le preoccupazioni passano di moda.

Parliamo del mostro di Loch Ness, chiamato anche affettuosamente Nessie. Chiamato così in quanto sarebbe un inquietante mostro che abiterebbe l’omonimo lago d’acqua dolce delle Highlands scozzesi, situato a sud-ovest di Inverness.

La teoria più in voga vuole il mostro di Loch Ness essere un plesiosauro, un animale maestoso che dovrebbe essersi estinto migliaia di anni. In diverse foto e dipinti, Loch Ness appare in genere col dorso fuori dall’acqua e il suo lungo collo. Altri invece ritengono che il mostro sia in realtà un grande pesce gatto o uno storione particolarmente gigante.

Ma il mostro di Loch Ness esiste davvero? Dopo immersioni, navigazioni, ricerche con i sub, una ricerca condotta da Neil Gemmell dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, ha l’obiettivo di tracciare un quadro dettagliato delle specie differenti presenti nel lago di Loch Ness. E dunque di dirci finalmente qualche verità sul mostro che abiterebbe il lago scozzese. Del resto, in Nuova Zelanda di mostri se ne intendono, come quello trovato negli anni ‘70 (ne ho parlato qui). Ecco i particolari.

Mostro di Loch Ness ricerca

mostro loch ness

Come riporta SuperEva, grazie allo studio del DNA, se un mostro preistorico si trova nelle acque torbide, nascosto, potrebbe semplicemente essere rilevato dalle analisi.

I ricercatori neozelandesi hanno in programma di prelevare 300 campioni di acqua dal lago, in luoghi e a profondità diverse. L’intenzione è quella di isolare il DNA degli animali che vivono nell’ambiente grazie a quei campioni. Gemmell, a capo della ricerca, non è molto convinto che esista davvero Nessie: “penso che sia improbabile che esista un mostro, ma voglio testare questa ipotesi. Quello che otterremo è una bella indagine sulla biodiversità del Loch Ness.”

Mostro Loch Ness cos’è

mostro lochness foto

Cos’è il Mostro di Loch Ness? Come riporta Wikipedia, la parola “mostro” fu riferita per la prima volta alla creatura il 2 maggio 1933 da Alex Campbell, ufficiale giudiziario di Loch Ness e giornalista part-time, in un rapporto di Inverness Courier. Il 4 agosto 1933 il Corriere pubblicò un rapporto del londinese George Spicer che diverse settimane prima, mentre stavano guidando in giro per il lago, lui e sua moglie videro “l’approccio più vicino a un drago o animale preistorico che io abbia mai visto nel mio la vita “scorre attraverso la strada verso il lago con” un animale “in bocca.

Le lettere cominciarono a comparire nel Corriere, spesso in modo anonimo, reclamando avvistamenti di terra o di acqua da parte dello scrittore, della loro famiglia o conoscenti o storie ricordate. I resoconti raggiunsero i media, che descrivevano un “mostro di pesci”, “serpente di mare” o “drago” e alla fine si stabilirono su “mostro di Loch Ness”.

Il 6 dicembre 1933 la prima fotografia presunta del mostro , scattata da Hugh Gray, è stata pubblicata sul Daily Express; il Segretario di Stato per la Scozia ha presto ordinato alla polizia di impedire qualsiasi attacco su di essa. Nel 1934, l’interesse fu ulteriormente stimolato dalla “fotografia del chirurgo”. Quell’anno, R. T. Gould pubblicò un resoconto delle indagini dell’autore e un registro di rapporti precedenti al 1933. Altri autori hanno sostenuto avvistamenti del mostro risalenti al VI secolo d.C.

Mostro di Loch Ness storia

mostro loch ness dove si trova

Il primo rapporto di un mostro nelle vicinanze di Loch Ness appare nella Vita di San Columba di Adomnán, scritta nel VI secolo d.C. Secondo Adomnán, scrivendo circa un secolo dopo gli eventi descritti, il monaco irlandese Saint Columba si trovava nella terra dei Pitti con i suoi compagni quando incontrò i residenti locali seppellendo un uomo vicino al fiume Ness. Hanno spiegato che l’uomo stava nuotando nel fiume quando è stato attaccato da una “bestia d’acqua” che lo ha trascinato e trascinato sott’acqua.

Anche se hanno cercato di salvarlo su una barca, era morto. Columba mandò un seguace, Luigne moccu Min, a nuotare attraverso il fiume. La bestia si avvicinò a lui, ma Columba fece il segno della croce e disse: “Non andare oltre, non toccare l’uomo, torna subito”.

La creatura si fermò come se fosse stata “tirata indietro con le corde” e fuggirono, e gli uomini di Columba ei Pitti ringraziarono per quello che percepirono come un miracolo. I credenti nel mostro indicano questa storia, ambientata nel Fiume Ness piuttosto che nel loch stesso, come prova dell’esistenza della creatura prima del sesto secolo.

Gli scettici mettono in dubbio l’affidabilità della narrativa, osservando che le storie di bestie acquatiche erano estremamente comuni nelle agiografie medievali e la storia di Adomnán probabilmente ricicla un motivo comune collegato a un punto di riferimento locale. Secondo gli scettici, la storia di Adomnán potrebbe essere indipendente dalla leggenda moderna del mostro di Loch Ness e essere attaccata ad essa dai credenti che cercano di sostenere le loro affermazioni.

Ronald Binns ritiene che questo sia il più significativo dei presunti primi avvistamenti del mostro, ma tutti gli altri avvistamenti prima del 1933 sono dubbi e non dimostrano una prova concreta prima di quella data.

Mostro Loch Ness dove si trova

lago loch ness

Dove si trova il Mostro di Loch Ness? Sempre Wikipedia ci indica che Loch Ness è un grande lago di acqua dolce profondo nelle Highlands scozzesi che si estende per circa 37 chilometri (23 miglia) a sud-ovest di Inverness. La sua superficie è di 16 metri (52 piedi) sul livello del mare. Loch Ness è meglio conosciuto per presunti avvistamenti del mostro di Loch Ness criptozoologico, noto anche affettuosamente come “Nessie”. È collegato all’estremità meridionale dal fiume Oich e da una sezione del Canale di Caledonia a Loch Oich.

All’estremità settentrionale si trova la Bona Narrows che si apre sul Loch Dochfour, che alimenta il fiume Ness e un’ulteriore tratto di canale fino a Inverness, conducendo infine al Mare del Nord attraverso il Moray Firth. È uno di una serie di corpi idrici interconnessi e torbidi in Scozia; la sua visibilità in acqua è eccezionalmente bassa a causa di un alto contenuto di torba nel terreno circostante. Il Lago di Ness è il secondo più grande lago scozzese per superficie a 56 km2 dopo Loch Lomond, ma a causa della sua grande profondità, è il più grande per volume nelle isole britanniche. Il suo punto più profondo è 230 m (126 braccia, 755 piedi), che lo rendono il secondo lago più profondo in Scozia dopo Loch Morar.

Precedente Legge Basaglia, lo psico-comunismo che danneggiò i pazzi e le loro famiglie Successivo La Terra è piatta, parola di Terrapiattisti: ecco tutte le loro prove

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.