Il Governo Gentiloni danneggia la mozzarella di bufala campana: ecco il provvedimento che fa infuriare i campani

Colore candido, sapore intenso, consistenza morbida ma al contempo compatta. E’ la mozzarella di bufala DOP campana, unica ed inimitabile. Quella che dà un tocco in più alla pizza, che è sublime se mangiata da sola, ma che viene anche molto imitata, tanto al Nord Italia quanto all’estero. E che chi ci governa, anziché difendere, finisce per delegittimare e svalorizzare. Ecco uno degli ultimi provvedimenti a cui ha pensato il Governo Gentiloni in carica, poco prima che il Presidente della Repubblica Mattarella sciogliesse le camere in vista delle prossime elezioni politiche che si terranno il 4 marzo 2018.

Mozzarella di Bufala campana DOP equiparata a quella pugliese

mozzarella bufala

Come riporta Msn, la partita era iniziata nello scorso mese di agosto 2017. Adesso, dopo quasi 4 mesi, si avvia a conclusione: in attesa dell’ok definitivo di Bruxelles, Roma ha decretato che anche la Puglia può avere la sua Mozzarella Dop, nonostante la strenua opposizione della Campania. La comunicazione, con relativa polemica “geopolitica”, è arrivata dal deputato campano di Forza Italia Paolo Russo:

«Con l’annuncio della pubblicazione del disciplinare sul sito internet e dell’invio della richiesta alla Commissione europea, il ministero dell’Agricoltura dà il via libera al marchio Dop per la Mozzarella di Gioia del Colle: ecco il regalo di Natale che il Pd, con il ministro Martina ed il governo italiano, hanno fatto agli allevatori della Campania e ai consumatori di tutto il mondo. La Mozzarella di bufala campana Dop – aggiunge Paolo Russo – sarà uguale alla Mozzarella di Gioia del Colle. Il colpo di coda di una classe politica che ha sempre mortificato la nostra Campania. Ora il campo di battaglia diventa l’Europa, toccherà in quella sede far valere le nostre ragioni».

Il danno alla mozzarella di bufala Dop campana

gioia del colle

La battaglia, come detto, era scoppiata a fine agosto quando dalla Puglia è arrivata la richiesta del riconoscimento della Dop per la Mozzarella di Gioia del Colle. A cui si oppose formalmente, dando mandato agli avvocati di individuare ogni iniziativa di tutela, il Consorzio della Mozzarella di bufala campana Dop. Con relative contestazioni inviate al ministero delle Politiche agricole che, evidentemente, sono state valutate non rilevanti. Secondo il Consorzio della Mozzarella di bufala «i consumatori andrebbero in confusione se in commercio trovassero una nuova mozzarella Dop», sebbene quella campana sia notoriamente di bufala e quella pugliese di latte vaccino, conosciuta nelle due varianti, treccia o provolina. Adesso la richiesta di Dop può prendere la via di Bruxelles. Le speranze campane di uno stop, però, sono minime: la modifica del nome, per non creare quella confusione paventata a Napoli, andava fatta in Italia.

Uno degli ultimi regali del Governo Gentiloni al Sud e alla Campania. E di un Pd che per cinque anni non ha fatto nulla per il Mezzogiorno, malgrado siano cambiati ben 3 Premier e altrettanti governi. Almeno dal Governo Berlusconi, a trazione nordista, ce lo si aspettava. Ma col centrosinistra il baricentro si è spostato ancora più a Nord, a Bruxelles. E il sud è troppo lontano per essere meritevole di attenzione…

Precedente Il 2017 è stato l’anno dei ritiri eccellenti: ecco la Top 11 dei calciatori che hanno appeso le scarpe al chiodo Successivo Elio e le storie tese, il bluff del ritiro: come stanno le cose

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.