Crea sito

Il pipistrello gigante esiste davvero: le foto inquietanti

Scherzi della natura, anche se spesso si tratta di scherzi del web. Fatti da buon temponi che, con qualche opportuna modifica alle immagini, fanno circolare in rete delle foto impressionanti. Con lo scopo di creare paura e scalpore. Ma non è questo il caso. La foto del pipistrello gigante è autentica.

La foto apparsa su Twitter, alquanto impressionante, è stata anche data per buona da Snopes, un sito web specializzato nel confutare leggende metropolitane, bufale o notizie false. Ecco dove si trova e la foto in questione.

Pipistrello gigante foto

Ecco la foto del pipistrello gigante postata su Twitter:

In un post del giorno successivo, ha anche pubblicato altre foto ancora più inquietanti della volpe volante:

pipistrello gigante volpe gigante

Pipistrello gigante dove si trova

pipistrello gigante dove si trova

Come riporta Il Giornale, il pipistrello gigante è una volpe volante appartenente ai megabat. Si tratta di animali non particolarmente pericolosi per gli esseri umani, dato che si cibano prevalentemente di frutta. Sembrano infatti molto ghiotti soprattutto di fichi. Appartengono alla famiglia degli Pteropodidi.

Si trovano in Indocina, Indonesia e nell’Arcipelago delle Filippine. Il nome più comune che gli viene attribuito è Pteropus vampyrus o, più comunemente, Volpe volante. O anche olpe volante dal capo dorato.

La foto che lo ritrae in realtà tira un po’ in inganno, dato che sembra più grande di quanto sia realmente.

Infatti, è lungo 30 cm, con una estensione alare massima di 1,7 metri di larghezza. Dimensioni comunque notevolmente più elevate di un pipistrello comune.

In realtà, Snopes afferma che potrebbe trattarsi di un’altra specie di Megabat: la “volpe volante malese” (Pteropus vampyrus).

In comune con un normale pipistrello, comunque, c’è il fatto che anche il pipistrello gigante (o volpe volante) ami la vita notturna, mentre di giorno dorme.

Più pericolosa la specie di vampiro Desmodus rotundus, che come fa sapere Wikipedia, si trova sul continente americano. Poiché si cibano soprattutto di sangue di altri vertebrati, in particolare di animali domestici, prelevato attraverso dei morsi inferti con gli affilatissimi incisivi ed evitandone la coagulazione attraverso una glicoproteina anticoagulante nota come draculina. Sostanza contenuta nella sua stessa saliva.

In cattività attacca anche serpenti, lucertole, rospi, coccodrilli e tartarughe.

Non atterra direttamente sulla vittima ma nelle sue vicinanze, per poi avvicinarsi con saltelli. La ferita inferta può servire anche ad altri pipistrelli Desmodus rotundus per nutrirsi successivamente.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

7 Risposte a “Il pipistrello gigante esiste davvero: le foto inquietanti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.