La porta dell’Inferno esiste davvero: dove si trova

Dove si trova la porta dell’Inferno? Già il nome incute timore. Fa pensare all’ingresso in un posto fatto di fuoco, disperazione, dannazione. Dal quale non si può più uscire e tornare indietro. Del resto, stiamo parlando dell’ingresso all’Inferno, luogo così ben descritto da Dante nel primo Canto della sua celebre Divina Commedia.

Orbene, pare proprio che la porta dell’Inferno si trovi davvero sulla Terra. Il che riporta alla memoria quando è stata ritrovata sul nostro Pianeta la Starway to Heaven. Descritta nella celebre canzone dei grandi Led Zeppelin.

La Starway to Heaven altro non sarebbe che un sentiero per escursionisti, situato sull’isola di Oahu, nelle Hawaii. Percorrendo questa strada è possibile, infatti, raggiungere delle altezze molto elevate. Dalle quali godere di paesaggi davvero paradisiaci.

In effetti, la vista è di quelle che lasciano senza fiato. A picco sul mare, circondata dal verde, poco adatta a chi soffre di vertigini. Ma di certo, molto consigliata ad escursionisti ed amanti della natura.

Ma torniamo alla Porta dell’Inferno. Sebbene Virgilio nella sua Eneide scriva che si trovi nel Lago d’Averno, a Pozzuoli, in provincia di Napoli, in quanto Enea fosse costretto a recarsi sul luogo per accedere nel regno dell’ oltretomba, in realtà la vera versione si trova in ben altro luogo. Ed ha un aspetto tutt’altro che rassicurante rispetto al lago verdeggiante .

Porta dell’Inferno cos’è

porta dell'inferno Turkmenistan

Cos’è la Porta dell’Inferno? Come riporta Wikipedia, è il modo in cui viene descritto il cratere di Darvaza, conosciuto localmente come “Porta dell’inferno” o “Porte dell’inferno”. E’ un giacimento di gas naturale collassato in una caverna sotterranea situato a Derweze, Turkmenistan. I geologi lo hanno intenzionalmente dato fuoco per prevenire la diffusione del gas metano, e si pensa che abbia continuato a bruciare continuamente dal 1971.

Il diametro del cratere è di 69 metri (226 ft), e il suo la profondità è di 30 metri. Il cratere è una popolare attrazione turistica Dal 2009, 50.000 turisti hanno visitato il sito. Il cratere del gas ha una superficie totale di 5.350 m2. L’area è molto popolare anche come luogo ideale per il campeggio selvaggio nel deserto.

La Porta dell’inferno dove si trova

Turkmenistan porta inferno foto

Dove si trova la Porta dell’inferno? Il cratere del gas si trova vicino al villaggio di Derweze, noto anche come Darvaza. Si trova nel mezzo del deserto del Karakum, a circa 260 chilometri a nord di Ashgabat, la capitale del Turkmenistan.

La riserva di gas trovata qui è una delle più grandi al mondo. Il nome “Porta all’inferno” è stato dato al campo dalla gente del posto, riferendosi al fuoco, al fango bollente e alle fiamme arancioni nel grande cratere, che ha un diametro di 70 metri (230 piedi). [7] I punti caldi si estendono su un’area con una larghezza di 60 metri (200 piedi) e una profondità di circa 20 metri (66 piedi).

Porta dell’Inferno storia

Turkmenistan porta dell'inferno dove si trova

Secondo il geologo turkmeno Anatoly Bushmakin, il sito fu identificato da ingegneri sovietici nel 1971. Inizialmente si pensava che fosse un sito petrolifero consistente. Gli ingegneri hanno allestito un impianto di perforazione e operazioni per valutare la quantità di olio disponibile sul sito.

Poco dopo l’indagine preliminare trovò una tasca di gas naturale, il terreno sotto la piattaforma di perforazione e il campo crollò in un ampio cratere e fu sepolto. Aspettando pericolose emissioni di gas velenosi dalla caverna nelle città vicine, gli ingegneri pensarono che fosse meglio bruciare il gas. È stato stimato che il gas si sarebbe esaurito entro poche settimane, ma ha continuato a bruciare per più di quattro decenni.

I primi anni della storia del cratere sono incerti: i geologi locali dicono che il crollo in un il cratere si è verificato negli anni ’60 e i gas non sono stati incendiati fino agli anni ’80. Tuttavia, non ci sono dati disponibili sulla versione degli eventi sovietici o turkmeni.

Nell’aprile 2010, il presidente del Turkmenistan, Gurbanguly Berdimuhamedow, ha visitato il sito e ha ordinato la chiusura del foro. Nel 2013, ha dichiarato la parte del deserto del Karakum con il cratere una riserva naturale.

Il cratere è stato descritto in un episodio della serie del National Geographic Channel di breve durata (2014) Die Trying. Nell’episodio “Cratere del fuoco” del 16 luglio 2014, l’esploratore George Kourounis è stato il primo a mettere piede sul fondo, raccogliendo campioni di microrganismi estremofili.

Una fotografia modificata del cratere è stata anche pubblicata come pubblicità per l’allora imminente film Godzilla del 2014, con l’immagine raffigurante agenti e veicoli MONARCH che indagavano sul sito.

Nella visita del presidente Berdimuhamedow dell’aprile 2010, ha raccomandato di adottare misure per limitare l’influenza del cratere sullo sviluppo di altri giacimenti di gas naturale nell’area.

A quel tempo, il Turkmenistan ha annunciato piani per aumentare la sua produzione di gas naturale, con l’intenzione di aumentare le esportazioni di gas verso molti paesi come Pakistan, Cina, India, Iran, Russia e Europa occidentale, dal suo livello di produzione annuale a un nuovo livello di produzione di 225 miliardi di metri cubi (7,9 trilioni di piedi cubici) entro il 2030.

Porta dell’Inferno Turkmenistan come raggiungere

Come raggiungere la orta dell’Inferno Turkmekistan? Ci sono diversi tour operator che organizzano escursioni nel deserto del Karakum. Con un viaggio di circa 3 ore dalla capitale Ashgabat, verso nord e percorrendo circa 7 km dall’uscita dell’autostrada.

Precedente Compresse per ipertensione ritirate dal mercato: i particolari Successivo Danilo Toninelli, tutte le gaffe: chi ci ritroviamo Ministro delle Infrastrutture

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.