Renzi si accorge di Napoli: miracoli delle elezioni

Cosa ne pensi?

Matteo Renzi si è accorto di Napoli. E direi pure con un po’ di ritardo, dato che, da quando è Premier, ossia quasi 26 mesi (ha messo alla porta Enrico Letta il 21 febbraio 2014, con tanto di campanella), ci era stato una sola volta: inizio agosto 2014. E’ venuto qui addirittura due volte in quattro giorni: giovedì e sabato scorsi, annunciando che ci verrà sempre più spesso. Il che, più che una promessa, somiglia a una minaccia. Miracoli delle elezioni, probabilmente. Del resto a Napoli, così come in altre importanti città italiane, si voterà tra un paio di mesi (forse il 5 e il 6 giugno, il che potrebbe aumentare l’astensionismo, dato che capiteranno proprio nel ponte del 2 giugno). E la città partenopea è una partita molto delicata per il centrosinistra, dato che l’ha governata per anni finché ad irrompere sulla scena ci ha pensato Luigi de Magistris. L’ex Pm che ha portato un vento nuovo che ha spazzato via, almeno in parte, il torpore conosciuto dalla città grazie al duo Bassolino-Jervolino (con il primo che si è pure presentato di recente alle primarie del Pd).

Renzi prova a mettere le mani sulla città

renzi
Il pupazzo preparato per Renzi

Giovedì scorso, Renzi è venuto a Napoli per parlare di Bagnoli, con le sue solite slide. Un summit a cui però il primo cittadino non ha partecipato, visto che il quartiere distrutto dalle fabbriche, è stato commissariato e dunque sottratto alla gestione del Comune. Renzi accusa l’amministrazione locale di non aver fatto nulla per il rilancio di Bagnoli, dimenticando così più cose:

  • la prima, che neppure la sua parte politica, in 18 anni, ha fatto nulla per quel quartiere nella fase post-industriale;
  • che de Magistris ha fatto molte cose per quel quartiere dalle alte potenzialità turistiche, su tutte, lo scioglimento del carrozzone ideato proprio da Bassolino: Bagnoli Futura. Inutile e dispendioso per il Comune, utile solo per distribuire prebende e alimentare il voto di scambio;
  • ultima, che la bonifica spetta al Governo nazionale, dato che Bagnoli è ascrivile come ”sito di interesse nazionale”. E, come si dice a Napoli (e forse pure altrove): senza soldi non si cantano messe. Se è vero che Renzi nella sua precedente (e fino ad allora unica) visita a Napoli, nell’agosto 2014, aveva firmato un protocollo, i fondi per la bonifica il Comune non li ha mai ricevuti. Anzi, ha subìto, così come tutti gli altri enti locali, solo tagli.

Non contento della visita di mercoledì, Renzi è venuto a Napoli pure sabato. In visita al Museo di Capodimonte, sito all’interno del Real Bosco di Capodimonte. Apprezzandone la ricchezza culturale e vegetativa del posto. Una delle tante bellezze di Napoli, ridotta però in uno stato fatiscente, tra impalcature che coprono il museo (dopo la morte di un adolescente sotto la Galleria Umberto, la città ne è piena) ed erbacce che coprono invece il bel panorama. E poi ha fatto una visitina alla storica stazione di Pietrarsa, la prima linea ferroviaria (Portici-Napoli) d’Europa.

Vedremo se dopo le elezioni Renzi tornerà altre volte a Napoli. Probabilmente, solo se ci sarà come Primo cittadino la sua burattina Valeria Valente (candidata del Pd). Nel frattempo, questa sua duplice visita, mi fa venire in mente due cose: un proverbio e una canzone.

Quanto al proverbio, tutto napoletano:

Caro Renzi, ”fatt accattà a chi nun te sape

Quanto alla canzone, è quella di Luciano Libabue: Walter il mago:

Con una giacca sbagliata, Walter il mago si presenterà di nuovo qua. Ci fingeremo stupiti, che non ci costa niente farlo sentire una star”.

Precedente Legge Bersani: come ottenere classe agevolata Successivo Riina a Porta a Porta solo ultimo caso: precedenti di mafiosi in Tv

One thought on “Renzi si accorge di Napoli: miracoli delle elezioni

  1. Massimo il said:

    È sempre così: si avvicinano le elezioni e improvvisamente i politici giurano e soprattutto spergiurano di essere interessati a tutti i problemi reali dei cittadini!

Lascia un commento

*