Crea sito

M5S al Sud e Lega al Nord: l’Italia s’è desta, i possibili scenari dopo elezioni

Cosa succede dopo il voto? Quali sono i possibili scenari dopo le elezioni? Prima di parlare del possibile futuro, parliamo dell’attuale presente. Quello concreto. Il Movimento cinque stelle sbanca al Sud, la Lega al Nord. L’Italia s’è desta. Gli italiani hanno detto basta a 7 anni fatti di scandali bancari, barconi, finanziarie scritte dalla Germania, subalternità all’estero, precarietà lavorativa, periferie abbandonate, scarsa sicurezza nel proprio domicilio, inciuci di palazzo per restare al potere. Queste elezioni le hanno vinte nettamente due partiti: da un lato il Movimento 5 stelle, che ha sbancato con un 32% a livello nazionale, con punte del 50-60 percento al Sud.

Quel Meridione finalmente non più legato e assoggettato a logiche clientelari, che rendono la democrazia un optional, portando alla svendita del proprio voto fomentando arretratezza, disastri ecologici e miseria. Con Di Maio che si è sforzato, anche a livello internazionale, di far apparire il Movimento non una setta di squinternati inaffidabili. Ma un partito di governo serio ed affidabile. Riuscendo così a prendere voti anche tra i moderati di centrodestra (pescando molto in Forza Italia) e di centrosinistra.

E dall’altro la Lega di Salvini, che ha preso un partito al 4% nel 2013 funestato dagli scandali della Bossi family, e nel giro di cinque anni ha più che quadruplicato i suoi consensi. Realizzando perfino il sorpasso su Forza Italia, fermo al 14%. La Lega, che ha furbamente rimosso il suffisso “Nord”, ha sbancato proprio nel Settentrione, ma ha racimolato voti importanti anche al Centro e al Sud (ad esempio. per dirne due, a Macerata ha preso il 21% e a Benevento il 6%). Checché ne dica l’ormai defenestrato da tempo fondatore Umberto Bossi, che ha sempre criticato “l’altro Matteo” di aver reso il partito nazionale. La Lega ha cambiato pelle da tempo: non attacca più Roma ma Bruxelles. Non ce l’ha più coi meridionali ma con gli immigrati. Certo, parte del Sud non dimentica quanto detto da Salvini contro esso fino al 2014. Ma questo è un altro discorso.

Il voto degli italiani è stato dunque netto, inequivocabile. E che solo una legge elettorale porcata, perfino peggiore del precedente Porcellum, ha annacquato e reso meno incidente. Infatti, come prevedibile, nessuno ha la maggioranza per governare e ora si fa ardua l’impresa per Sergio Mattarella di trovare la quadra. Del resto, questa legge elettorale è stata pensata apposta per fermare lo Tsunami Cinquestelle.

Risultati elezioni 2018

renzi

Vediamo gli altri risultati delle elezioni 2018.

Esce nettamente sconfitto il Partito democratico, che segue così la scia degli altri partiti di sinistra europei. Ma si mette pure quasi alla testa, secondo solo al partito socialista francese. Dove è servito creare un leader in laboratorio, Macron, per fermare la vittoria di Marine Le Pen. Il Pd prende solo un misero 18% e Renzi ha già annunciato le sue dimissioni dopo l’insediamento di un nuovo Governo. L’ex Sindaco di Firenze ha rivendicato quanto di buono fatto in questi anni da lui e Gentiloni, facendo mea culpa sul fatto di non averlo saputo comunicare agli italiani. Ma anche già detto che non farà accordi con quelli che continua a definire populisti ed estremisti. Ma, semplicemente, sono quei partiti che hanno saputo raccogliere le istanze degli ultimi. Quelli che i suoi governi non hanno ascoltato, troppo presi a sentire i diktat provenienti da Bruxelles, o se preferite Berlino, e ha parare il culo alle Banche.

Gli italiani non hanno dimenticato, oltre ai suoi anni a Palazzo Chigi (in prima persona o come manovratore di Paolo Gentiloni), il mancato ritiro dalla politica dopo la vittoria del No al Referendum. Così come le alleanze con Verdini e Alfano, nonché l’aver cambiato poco e niente nella squadra di Governo sempre dopo la sconfitta al Referendum, con perfino la promozione della Boschi da Ministro delle riforme a Sottosegretaria. Boschi peraltro candidata in ben 5 collegi diversi, pur di garantirle un seggio in Parlamento. Ha vinto quello di Bolzano, pur non conoscendo neanche il tedesco e facendocela non grazie ai voti, in realtà pochi, del Pd. Ma grazie al partito locale Südtiroler Volkspartei, che rappresenta, per statuto, gli interessi dei gruppi linguistici tedesco e ladino della provincia autonoma di Bolzano. Per fortuna da una decina di anni il web viene utilizzato per informarsi e certe cose si vengono a sapere con maggiore facilità. Checché ne dicano i persecutori delle Fake news, in realtà però più in odore di censura.

Male anche Forza Italia, ferma ad un misero 14%. Per la prima volta dalla sua discesa in campo, Silvio Berlusconi ha perso la leadership della sua coalizione. Ora il partito è subalterno alla Lega. All’ex cavaliere non è bastata la solita forsennata campagna elettorale, passata a spararle grosse come mai fatto. E’ giunto al capolinea? Chissà. Lo si è detto troppe volte in questi anni, ma alla fine è sempre risorto, tanto che la Fenice gli fa un baffo. Certo, ora ha 82 anni e sarebbe pure giunto il momento di trovare il suo erede. Magari un giovane imprenditore che attiri i voti di giovani professionisti, con la Partita Iva o aspiranti tali. Come fece lui nel ‘94. con un sorriso bianco ammaliante e i Social sempre a portata di mano. Il centrodestra risulta comunque la coalizione vincente, grazie anche al 4% della Meloni. Mentre la quarta gamba del duo Fitto-Cesa (Noi per l’Italia) si ferma all’1%.

Molto male anche Liberi e uguali, che raccoglie solo il 3%. quanto fece Ingroia praticamente 5 anni fa. Forse gli elettori sono sempre quelli. Il partito creato dai transfughi del Pd, capitanati dal duo D’Alema-Bersani, nel tentativo disperato di pesare ancora nella politica italiana, non ha avuto presa sul sempre più ridotto e spaesato popolo di sinistra italiano. Che ha preferito guardare ai Cinquestelle. D’Alema esce così dal Parlamento dopo un quarantennio, e finalmente direi. La Volpe del tavoliere ha perso nel suo seggio piazzandosi quarto, pagando anni di inciuci e giochi di palazzo. Ammiccando a Berlusconi e facendosi da lui fregare ogni volta. Ormai può dedicarsi a tempo pieno al vino, unico rosso rimastogli. Il leader Pietro Grasso non ha mai convinto, spaesato e poco convincente nel suo ruolo di leader. Sparando anche proposte assurde e disperate, su tutte la soppressione delle tasse universitarie. Nel suo collegio di Palermo è finito quarto, segno che la gente non gli riconosce neanche il suo impegno anti-mafia. Peraltro una storytelling montata ad arte, visto che ha sempre aggirato la lotta alla mafia. Quella vera (invito a guardare un video di Travaglio su Youtube).

Comunque, per un assurdo meccanismo di questa vergognosa legge elettorale, sia lui, che la Boldrini, che Bersani, riusciranno comunque ad entrare in parlamento.

Ancora peggio è andato il partito +Europa, organizzato da Emma Bonino, da quarantuno anni in Parlamento. La Bonino ha raccolto il 2,5% dei voti, ma nel seggio di Torino è riuscita comunque a farcela. Del resto, un partito che si dichiara europeista coi tempi che corrono, che è nato grazie all’aiuto di un democristiano (Bruno Tabacci, eppure la Bonino è una storia radicale) e che ha ricevuto l’endorsement del tanto odiato ex Ministro Elsa Fornero, non poteva andare diversamente.

Non fa il botto Casapound, da mesi all’attenzione delle cronache politiche, che guadagna solo lo 0,9%. Mentre potere al Popolo, all’altro estremo, si becca un 1%. Per la gioia immensa dei suoi rappresentanti ed elettori. Contenti loro. Almeno hanno fatto meglio dell’ex Ministro della sanità, Beatrice Lorenzin, il cui mini-partito ha raccolto solo un misero 0,5 percento. La gente non ha dimenticato i 12 vaccini obbligatori. Ed altro.

Cosa succede dopo voto 2018, possibili scenari

salvini di maio

Quali sono i possibili scenari dopo il voto delle elezioni 2018? Cosa succede dopo le elezioni 2018? Una bella domanda. La situazione è assai complicata e forse ci vorranno un po’ di settimane per arrivare ad un dunque. Aiutandoci con LaRepubblica, vediamo quali sono i possibili scenari del dopo-voto:

1. SENATO

Partiamo dal Senato dove il numero magico per la maggioranza assoluta è 158:

a) Assolutamente impossibile un’alleanza Pd-Forza Italia: 48 i seggi del Pd, 51 quelli di Forza Italia. La somma fa 99.

b) In teoria, invece, i numeri per un patto tra i nemici giurati – M5S e Pd – ci sarebbero. Magari con Leu a fare da collante. 48 i seggi Pd, 112 quelli del Movimento 5 Stelle, 8 quelli di Liberi e Uguali: la somma fa 168. Maggioranza, anche se non ampia. Certo per l’attuale segretario del Pd – che ha trascorso le ultime giornate di campagna elettorale ad attaccare Di Maio dicendo “Non avrete i nostri voti” – sarebbe difficile da accettare, ma in un eventuale Pd derenzizzato….

c) Mentre un’alleanza M5S-Leu, senza Pd, sarebbe lontana dal quorum.

d) Ultima opzione, il governo dei populisti. Stando ai dati disponibili in questo momento, la Lega avrebbe 57 seggi, Fratelli d’Italia 16. Sommati ai 112 dei grillini il risultato è 185.

2. CAMERA

E alla Camera? Qui la maggioranza assoluta è a quota 316.

a) Ripartiamo dall’ipotetica alleanza Forza Italia-Pd. Niente da fare: ai 94 seggi forzisti si sommano i 135 del Pd e il risultato è 229. Assolutamente lontano dalla soglia.

b) E l’ipotetica coalizione M5S-sinistra? I pentastellati sono a quota 226, sommati ai 135 del Pd e ai 16 di Leu il risultato è 377.

c) E il numero di seggi dell’alleanza dei populisti? 123 leghisti, sommati ai 28 di Fratelli d’Italia e ai 226 dei pentastellati, danno 377.

Quindi, un Governo potrebbe nascere solo se il M5S si allea con Pd o Lega. Può, insomma, guardare a destra e a sinistra. Forse indirà un referendum via web per decidere con chi trattare, ma stando a quanto hanno già detto i due Matteo, la cosa non dovrebbe realizzarsi. Che Salvini sostituisca Berlusconi anche nel ruolo di inciucista? In fondo, considerando che Cinquestelle hanno vinto al Sud e Lega al Nord, si tratterebbe di un Governo di unità nazionale.

Cosa succede dopo elezioni 2018

Ecco le prossime tappe istituzionali. La prima seduta delle nuove Camere sarà il 23 marzo. Il primo giorno di scuola prevede, come sempre, l’elezione dei presidenti di Camera e Senato. Due giorni dopo, il 25 marzo, è il termine ultimo per i parlamentari per comunicare il gruppo di appartenenza. È alla fine del mese che si entra davvero nel vivo per la formazione di un eventuale (e al momento inesistente) nuovo governo. Perché tra più di tre settimane sono previste le consultazioni al Quirinale. Il classico appuntamento di galateo istituzionale (visto che la Costituzione non le prevede) con cui il presidente della Repubblica dà il via all’iter per la nascita del nuovo esecutivo.

Vedremo cosa accadrà. Il voto degli italiani sarà ancora una volta eluso?

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.