Dopo i Terrapiattisti arrivano i Terracavisti: quali sono le loro teorie sulla Terra

Chi sono i terracavisti? Cosa dicono i terracavisti? Già, non bastavano i terrapiattisti, ora cominciano a diffondersi pure le idee dei terracavisti. Un video de Le Iene di due settimane fa ha fatto conoscere ai più il movimento dei Terrapiattisti, ossia di coloro che ritengono che la Terra sia piatta e propongono varie prove a suffragio delle loro idee.

Ho parlato approfonditamente dei Terrapiattisti in questo post. Ad esempio non credono alla forza di gravità, invitano a scrutare meglio orizzonte, fiumi, laghi, ritengono che l’eclissi sia un complotto. E ancora, che l’Antartide sia una massa costituita da ghiaccio, che l’idea della Terra sferica si sia stata inculcata a scuola, che la Terra sia come Pac man
e che l’Australia non esista. E tanto altro ancora.

Il concetto di una Terra piatta risale comunque all’antico periodo mesopotamico, durante il quale la Terra veniva raffigurata come un disco piatto galleggiante nel mare e circondato da un cielo sferico. Altre forme sovente utilizzate sono quelle della ruota, di una ciotola o un piano a quattro angoli. Ma ora i Terrapiattisti, in America chiamati Earthers, la riprendono con forza. Un movimento nato nel 1956 da un’idea di Samuel Shenton. Ma oggi tornata in auge tramite i Social Network, soprattutto Facebook, Twitter e Youtube.

Per capire quanto i terrapiattisti stiano facendo proseiliti, basta dire che il 2% degli americani crede alla loro teoria. Un numero destinato a salire, visto il bombardamento a mezzo Social che hanno messo in atto. E anche in Italia comincia a diffondersi. Qui però ci occupiamo dei terracavisti.

Terracavisti chi sono

terracavisti cosa dicono

Chi sono i Terracavisti? Come riporta Wikipedia, i terracavisti prendono spunto dalla teoria della Terra cava. Traducibile in inglese come The Hollow Earth. Si un concetto storico che propone che il pianeta Terra sia interamente cavo o contenga uno spazio interno sostanziale.

Notevolmente suggerito da Edmond Halley alla fine del 17 ° secolo, la nozione fu provvisoriamente confutata da Pierre Bouguer nel 1740, e sicuramente da Charles Hutton (1778). Fu ancora occasionalmente difesa nel primo-metà del XIX secolo, in particolare da John Cleves Symmes Jr. e Jeremiah N. Reynolds, ma a quel tempo faceva parte della pseudoscienza popolare e non più un’ipotesi scientificamente valida. Il concetto di una Terra vuota ricorre ancora nel folklore e come premessa per la narrativa sotterranea e un sottogenere di finzione avventurosa (Viaggio al centro della Terra, al centro della Terra).

Terracavisti cosa dicono

terracavisti chi sono

Cosa dicono i terracavisti? Possiamo dividere lo sviluppo di questa teoria in più fasi storiche.

1. Antichità

Nell’antichità, il concetto di una terra sotterranea all’interno della Terra appariva in mitologia, folclore e leggende. L’idea di regni sotterranei sembrava discutibile e si intrecciava con il concetto di “luoghi” di origine o aldilà, come il mondo sotterraneo greco, il nordico Svartálfaheimr, l’inferno cristiano e lo sheol ebraico (con dettagli che descrivono la Terra interna nella letteratura cabalistica , come lo Zohar e Hesed L’Avraham).

L’idea di un regno sotterraneo è anche menzionata nella credenza buddista tibetana. Secondo una storia della tradizione buddista tibetana, c’è un’antica città chiamata Shamballa che si trova all’interno della Terra.

Secondo gli antichi greci, sotto la superficie c’erano caverne che erano entrate che conducevano agli inferi, alcune delle quali erano le caverne di Tainaron in Lakonia, di Troezen in Argolis, di Ephya in Thesprotia, di Herakleia in Pontos e in Ermioni. Nelle leggende dei Traci e dei Daci, si dice che ci siano camere sotterranee occupate da un antico dio chiamato Zalmoxis. Nella religione mesopotamica c’è la storia di un uomo che, dopo aver viaggiato attraverso l’oscurità di un tunnel nella montagna di “Mashu”, è entrato in un giardino sotterraneo.

Nella mitologia celtica esiste una leggenda di una grotta chiamata “Cruachan”, conosciuta anche come “la porta dell’Irlanda verso l’inferno”, una grotta mitica e antica da cui, secondo la leggenda, sarebbero emerse strane creature sulla superficie della Terra. Ci sono anche storie di cavalieri e santi medievali che sono andati in pellegrinaggio in una grotta situata a Station Island, nella contea di Donegal in Irlanda, dove hanno fatto viaggi all’interno della Terra in un luogo di purgatorio.

A County Down, nell’Irlanda del Nord, c’è un mito che dice che i tunnel conducono alla terra del sotterraneo Tuatha Dé Danann, un gruppo di persone che si ritiene abbiano introdotto il druidismo in Irlanda, per poi tornare nel sottosuolo.

Nella mitologia indù, il mondo sotterraneo viene definito come Patala. Nella versione bengalese dell’epica indù Ramayana, è stato raffigurato come Rama e Lakshmana furono presi dal re degli inferi Ahiravan, fratello del re demone Ravana. Più tardi furono salvati da Hanuman. Le tribù Angami Naga dell’India sostengono che i loro antenati emersero in tempi antichi da una terra sotterranea all’interno della Terra. Il Taino di Cuba crede che i loro antenati siano emersi nell’antichità da due caverne in una montagna sotterranea.

I nativi delle isole Trobriand credono che i loro antenati provenissero da una terra sotterranea attraverso una caverna chiamata “Obukula”. Il folklore messicano racconta anche di una grotta in una montagna a cinque miglia a sud di Ojinaga, e che il Messico è posseduto da creature diaboliche che provenivano dall’interno della Terra.

Nel medioevo, un antico mito tedesco sosteneva che alcune montagne situate tra Eisenach e la Germania di Gin posseggono un portale per la Terra interna. Una leggenda russa dice che i Samoiedi, un’antica tribù siberiana, si recarono in una città sotterranea per vivere all’interno della Terra.

Dante Alighieri descrive una terra cava nella sua famosa opera del 14 ° secolo Inferno, in cui la caduta di Lucifero dal cielo fece apparire un enorme imbuto in una terra precedentemente solida e sferica, oltre a un’enorme montagna di fronte ” Purgatorio”.

Nella mitologia dei nativi americani, si dice che gli antenati del popolo Mandan nei tempi antichi emersero da una terra sotterranea attraverso una grotta sul lato nord del fiume Missouri. C’è anche un racconto su un tunnel nella riserva indiana San Carlos Apache in Arizona vicino a Cedar Creek, che si dice conduca all’interno della Terra verso una terra abitata da una misteriosa tribù. È anche la credenza delle tribù irochesi che i loro antichi antenati emersero da un mondo sotterraneo all’interno della Terra.

Gli anziani degli Hopi credono che esista un’entrata Sipapu nel Grand Canyon che conduce agli inferi.

Gli indiani brasiliani, che vivono a fianco del fiume Parima in Brasile, sostengono che i loro antenati emersero in tempi antichi da una terra sotterranea e che molti dei loro antenati rimanevano ancora all’interno della Terra. Gli antenati degli Inca apparentemente provengono da grotte sotterranee che si trovano a est di Cuzco, in Perù.

2. 1600-1700

L’ipotesi di Edmond Halley. Edmond Halley nel 1692 [20] sviluppò l’idea di Terra costituita da un guscio cavo di circa 800 km (500 mi) di spessore, due gusci concentrici interni e un nucleo più interno. Le atmosfere separano questi gusci e ogni guscio ha i suoi poli magnetici. Le sfere ruotano a velocità diverse. Halley ha proposto questo schema per spiegare le letture anomale della bussola. Immaginò che l’atmosfera all’interno fosse luminosa (e forse abitata) e ipotizzò che la fuga di gas causasse l’Aurora Boreale.

De Camp e Ley hanno affermato (nelle loro Terre oltre) che anche Leonhard Euler propose un’idea di terra vuota, liberandosi di conchiglie multiple e postulare un sole interiore di 1.000 km attraverso per fornire luce a civiltà avanzate della Terra interna ma non forniscono riferimenti; infatti, Eulero non proponeva una Terra cava, ma c’è un esperimento di pensiero leggermente correlato.

Camp e Ley affermano anche che Sir John Leslie espanse l’idea di Eulero, suggerendo due soli centrali chiamati Plutone e Proserpina (questo non era correlato al pianeta Plutone, che fu scoperto e nominato un secolo dopo). Leslie ha proposto una Terra vuota nel suo Elementi della filosofia naturale del 1829 (pp. 449-53), ma non menziona i soli interiori. Jules Verne allude alla teoria di Plutone-Proserpina, che attribuisce a “un capitano inglese”, in Viaggio al centro della Terra.

Le Clerc Milfort nel 1781 guidò un viaggio con centinaia di indiani Creek verso una serie di caverne vicino al fiume Rosso sopra la congiunzione del fiume Mississippi. Secondo Milfort si ritiene che gli antenati dell’Indian Creek originari siano emersi sulla superficie della Terra in tempi antichi dalle caverne. Milfort ha anche affermato che le caverne che hanno visto “potrebbero facilmente contenere 15.000 – 20.000 famiglie”.

3. 1800

Nel 1818, John Cleves Symmes, Jr. suggerì che la Terra consisteva di un guscio cavo di circa 1.300 km (810 mi) di spessore, con aperture circa 2.300 km (1.400 mi) di fronte a entrambi i poli con 4 gusci interni ciascuno aperto ai poli. Symmes divenne il più famoso dei primi sostenitori della Terra Cava, e Hamilton, Ohio, ha persino un monumento per lui e le sue idee.

Ha proposto di fare una spedizione nella buca del Polo Nord, grazie agli sforzi di uno dei suoi seguaci, James McBride. Jeremiah Reynolds ha anche tenuto lezioni sulla “Terra vuota” e ha sostenuto una spedizione. Reynolds intraprese una spedizione in Antartico ma mancò di unirsi alla grande US Exploring Expedition del 1838-1842, anche se quell’avventura era il risultato della sua agitazione. Anche se Symmes non scrisse mai un libro sulle sue idee, diversi lavori pubblicati dagli autori discutevano del suo idee. McBride scrisse la Teoria delle sfere concentriche di Symmes nel 1826. Sembra che Reynolds abbia un articolo apparso come un opuscolo separato nel 1827: le osservazioni della teoria di Symmes che apparve nella Rivista trimestrale americana.

Nel 1868, un professore W.F. Lyons pubblicò The Hollow Globe che proponeva un’ipotesi di Symmet-like Hollow Earth, ma mancò di menzionare Symmes stesso. Il figlio di Symmes, Americus, pubblicò la Teoria delle sfere concentriche di Symmes nel 1878 per stabilire le cose in chiaro. William Fairfield Warren, nel suo libro Paradise Found-The Cradle of the Human Race al Polo Nord (1885), presentò la sua convinzione che l’umanità avesse avuto origine su un continente nell’Artico chiamato Hyperborea. Ciò ha influenzato alcuni dei primi sostenitori della Terra Cava. Secondo Marshall Gardner, sia i popoli eschimesi che mongoli erano venuti dall’interno della Terra attraverso un’entrata al Polo Nord.

4. 1900

NEQUA o The Problem of the Ages, prima serializzato in un giornale stampato a Topeka, Kansas nel 1900 e considerato un romanzo utopistico delle prime femministe, menziona la teoria di John Cleves Symmes come spiegazione per la Terra cava in cui navigano. Un inizio del XX secolo sostenitore della Terra vuota, William Reed, scrisse Phantom of the Poles nel 1906. Sostenne l’idea di una Terra vuota, ma senza gusci interni o sole interiore.

Lo scrittore spiritista Walburga, Lady Paget nel suo libro Colloquies con un amico invisibile (1907 ) è stato uno dei primi scrittori a parlare dell’ipotesi della Terra vuota. Ha affermato che le città esistono sotto un deserto, che è il luogo in cui si è trasferito il popolo di Atlantide. Ha detto che un ingresso nel regno sotterraneo verrà scoperto nel 21 ° secolo. Marshall Gardner scrisse Un viaggio verso l’interno della terra nel 1913 e ne pubblicò un’edizione ampliata nel 1920. Collocò un sole interiore nella Terra e costruì un modello della Terra Cava che brevettò (brevetto USA 1.096.102).

Gardner non ha fatto menzione di Reed, ma ha criticato Symmes per le sue idee. Nello stesso periodo, Vladimir Obruchev scrisse un romanzo intitolato Plutonia, in cui la Terra Cava possedeva un Sole interiore ed era abitata da specie preistoriche.

L’interno fu collegato con la superficie da un’apertura nell’Artico. L’esploratore Ferdynand Ossendowski scrisse un libro nel 1922 intitolato Animali, Uomini e Dei. Ossendowski disse che gli fu detto di un regno sotterraneo che esiste all’interno della Terra. George Papashvily nel suo Anything Can Happen (1940) sosteneva la scoperta nelle montagne del Caucaso di una caverna contenente scheletri umani “con teste grandi come canestri di moggio” e un antico tunnel che portava al centro della Terra. Un uomo entrò nel tunnel e non tornò più.

Il romanziere Lobsang Rampa nel suo libro The Cave of the Ancients disse che un sistema di camere sotterranee esiste sotto l’Himalaya del Tibet, pieno di antichi macchinari, documenti e tesori. Michael Grumley, un criptozoologo, ha collegato il Bigfoot e altri criptidi ominidi agli antichi tunnel sotterranei. Secondo l’antico scrittore di astronauti Peter Kolosimo è stato visto un robot entrare in un tunnel sotterraneo sotto un monastero in Mongolia. Kolosimo ha anche affermato che una luce è stata vista dal sottosuolo in Azerbaijan. Kolosimo e altri antichi scrittori di astronauti come Robert Charroux collegarono queste attività agli UFO.

Un libro di un “Dr. Raymond Bernard” apparso nel 1964, The Hollow Earth, esemplifica l’idea degli UFO provenienti dall’interno della terra, e aggiunge l’idea che la Nebulosa dell’Anello dimostra l’esistenza di mondi vuoti, così come la speculazione sul destino di Atlantide e l’origine dei dischi volanti. Un articolo di Martin Gardner ha rivelato che Walter Siegmeister ha usato lo pseudonimo “Bernard”, ma non prima della pubblicazione nel 1989 di Walter Kafton-Minkel: Subterranean Worlds: 100,000 Years of Dragons, Dwarfs, the Dead, Lost Races & UFOs from Inside the Earth.

La rivista di fantascienza Amazing Stories promosse una tale idea dal 1945 al 1949 come “il mistero del rasoio”. L’editore della rivista, Ray Palmer, gestiva una serie di storie di Richard Sharpe Shaver, sostenendo che una razza preistorica superiore aveva costruito un favo di grotte nella Terra, e che i loro discendenti degenerati, conosciuti come “Dero”, vivevano ancora lì. Usando le fantastiche macchine abbandonate dalle antiche razze per tormentare quelli di noi che vivono in superficie. Come una caratteristica di questo tormento, Shaver descrisse “voci” che presumibilmente provenivano da nessuna fonte spiegabile. Migliaia di lettori hanno scritto per affermare che anche loro avevano sentito le voci diaboliche dall’interno della Terra.

Lo sceneggiatore David Hatcher Childress ha scritto Lost Continents e Hollow Earth (1998) in cui ha ristampato le storie di Palmer e difeso l’idea di Hollow Earth basata su presunti sistemi di tunnel al di sotto del Sud America e dell’Asia centrale. numero di luoghi diversi per gli ingressi che portano all’interno della Terra. Oltre ai poli nord e sud, le entrate nei luoghi citati sono: Parigi in Francia, Staffordshire in Inghilterra, Montreal in Canada, Hangchow in Cina, e la foresta amazzonica.

Terracavisti e terrapiattisti differenze

cartina geografica terrapiattisti

Quali sono le differenze tra terracavisti e terrapiattisti? Paragonabili nel numero di credenti (si può stimare dell’ordine delle migliaia in Italia), sono due movimenti tra loro incompatibili nelle teorie ma tremendamente simili nei modi.

Negazione di un’infinità di conoscenze scientifiche acquisite in ambito fisico-astronomico, affidamento a presunti esperimenti privi di valore o a ciò che si intuisce essere vero, argomentazioni basate sul sospetto e sul mistero (per non dire sulla fuffa), e metodi che possono essere tutto tranne che scientifici, chiariscono che Terra piatta e cava sono due manifestazioni di una tendenza unica.

Purtroppo, se è vero che il web ha permesso la divulgazione di un’altra verità rispetto a quella raccontata dai media mainstream, è anche vero che ha permesso d’altro canto la proliferazione di teorie il più delle volte strampalate. Aiutati come sono dalla superficialità e dalla scarsa voglia di approfondire dei nostri tempi.

Precedente Spray al peperoncino, la nuova moda tra i giovani: quando diventa mortale Successivo Cambiamento? Lega al Sud candida tanti riciclati imbarazzanti: ecco qualche nome

Un commento su “Dopo i Terrapiattisti arrivano i Terracavisti: quali sono le loro teorie sulla Terra

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.