The Floating Piers, anche dietro opera Christo vige sfruttamento lavoratori

Tutti pazzi per l’opera dell’artista americano di origine bulgara Christo, The Floating Piers, installata due weekend fa sul Lago d’Iseo dove resterà fino al prossimo 3 luglio. Ogni giorno c’è ressa e si contano centinaia di migliaia di visitatori da tutto il Mondo. Non poche difficoltà logistiche, dato che l’opera ricade tra piccoli comuni del bresciano raggiungibili con TreNord dalla stazione centrale di Brescia, navette o vascelli. Questi ultimi da prenotare, onde evitare di restare senza biglietto. L’opera di Christo è non poco suggestiva, dato che permette di camminare sulle acque del lago d’Iseo, collegando tre punti del lago: il paesino di Sulzano, in provincia di Brescia, con Monte Isola (l’isola più grande del lago d’Iseo) e l’isoletta di San Paolo. Per un totale di 3 km. Prima era aperta anche di notte, ma il bivacco dei giovani ha costretto a rivedere gli orari. Così come non è possibile correre sulla pista o fare tuffi. Su The Floating Piers possono camminarci massimo di 10-12mila visitatori per volta per motivi di sicurezza. E comunque non manca personale medico e sommozzatori in caso di tuffate ‘brave’ o cadute accidentali nell’acqua. Ma The Floating Piers di Christo presenta anche lati oscuri, legati allo sfruttamento dei lavoratori.

The Floating Piers: lavoratori non in regola

The Floating PiersCome riporta il Corriere della sera, a Christo (nome d’arte di Christo Vladimirov Yavachev), il bacio di Giuda l’ha dato l’ispettorato del lavoro: un’altra multa per tre dei suoi stipendiati pagati 10 euro lordi l’ora che non hanno fatto la visita medica e il corso sulla sicurezza. A inizio giugno si è scoperto che le operazioni di ancoraggio del ponte fatte dai sommozzatori avevano avuto come effetto collaterale alcune sanzioni per il mancato rispetto delle leggi contrattuali in materia. I sommozzatori infatti, non risultavano dipendenti della società e nemmeno lavoravano con la partita Iva.

Leggi anche: La bufala dell’Italia che detiene il 50% dei siti Patrimonio Unesco: la reale situazione

Nel nostro Paese, certe cattive abitudini vengono trasmesse anche a chi si chiama Christo…

Precedente Non solo Brexit: le altre 32 bombe che faranno crollare Ue Successivo Non solo Trump, le spese folli della Clinton per l'abbigliamento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.