Totti dice addio alla Roma, ma non chiamatelo campione

Domenica scorsa il calcio italiano e numerosi personaggi di altri sport e ambiti professionali, hanno dato il loro addio a Francesco Totti. Come calciatore della Roma, si intende. Ventisette lunghi anni (sommando anche quelli passati nella primavera), indimenticabili per i tifosi romanisti e per tanti appassionati italiani di calcio. Anche diversi giornali esteri hanno però dato il loro tributo a Totti, del resto in un quarto di secolo in Serie A ci ha regalato straordinarie prodezze. A volte anche decisive. Un fuoriclasse certo, ma un Campione è tutt’altro.

Totti coccolato e talvolta scorretto

tottiLa differenza tra un fuoriclasse e un campione può essere anche molto sottile. Ma c’è. Ed è proprio quella che separa Totti dall’essere considerato tale. Il fuoriclasse è colui capace di fare grandi numeri, essere decisivo, fare la differenza, essere quel “di più” nei momenti di difficoltà della sua squadra. E sa essere anche una bandiera, se resta sempre nello stesso club. Il Campione è colui che, oltre a tutto ciò, ha un atteggiamento irreprensibile. E’ sempre corretto. Da’ tutto alla squadra in cui milita ma è pronto anche a mettersi continuamente in discussione, dalle grandi piazze alle piccole realtà. Mi viene in mente Roberto Baggio, che ha vestito le maglie di Juventus, Milan e Inter, ma si è anche umilmente ridimensionato in Brescia e Bologna. Totti non ha avuto un atteggiamento irreprensibile sul campo. Non sono mancati da parte sua sputi o calcioni agli avversari. Anche in campo europeo. Ricordo, da interista, quando ad esempio mollò un calcione a Balotelli in una gara di Coppa Italia nel 2009. Per dirne una. Nonché anche plateali simulazioni.

E sulla questione bandiera, resterà sempre un interrogativo: è rimasto a Roma per puro amore della città e della maglia o per paura di mettersi in gioco in altre piazze? Ricordo quando all’apice della carriera, inizio anni 2000, lo volevano Manchester United e Real Madrid. Mentre in casa nostra ci provò il Milan. I Sensi lo convinsero ogni volta a colpi di lauti adeguamenti di contratto. Se fosse stato così affezionato, non avrebbe avuto bisogno di certi convincimenti. Il nomignolo Pupone è quindi azzeccatissimo.

Totti mangia-allenatori

spalletti totti nuovo stadioSorvolando sulle poche cose che ha vinto in più di vent’anni di Roma da titolare (uno scudetto, due Coppa Italia, due Supercoppa italiana), dato che pesano anche i pochi investimenti del club, Totti è stato anche un mangia-allenatori. Uno capace di spaccare lo spogliatoio e mettere anche i tifosi contro il tecnico di turno. Ultimo, Luciano Spalletti, avversato dai tifosi malgrado due stagioni ottime all’ombra della Juventus (ne ho parlato qui). Se Zeman e Garcia non hanno avuto il coraggio di farlo fuori, Spalletti invece lo ha trovato. E i risultati stanno con lui. Se poi i tifosi preferiscono coccolarsi i beniamini anziché vincere qualcosa, allora è un altro discorso. D’altronde Roma, così come tante altre piazze d’Italia, ha dimostrato di non saper vincere. Riuscendoci solo con un sergente di ferro come Fabio Capello.

Totti ha un antenato nazista? La foto inquietante

Ora vedremo se Totti si ritirerà del tutto o si lascerà ammaliare dal calcio plurimiliardario asiatico o mediorientale. Vederlo con un’altra maglia del resto sarebbe curioso. Totti è la sintesi della romanità: genuino, fantasioso, furbo, scorretto, plateale, fedele. Ma anche un Campione mancato.

Totti statistiche

Come riporta Il fatto quotidiano, c’è poi la non meno trascurabile questione dei numeri. Nella Roma ha fatto sì 250 gol nei venti anni di serie A giocati ed è stato determinante nella conquista dello scudetto 2001, ma nelle competizioni internazionali non è mai stato protagonista. Nelle nove partecipazioni alla Champions non è andato oltre due quarti di finale persi malamente contro il Manchester united. Il suo gol più importante nella competizione lo ha realizzato al Lione a livello di ottavi di finale con un record complessivo di 17 gol in 57 partite, numeri buoni ma non straordinari. In coppa Uefa e Europa League mai oltre gli ottavi.

Si può dire che la Roma non è un club di primissimo livello europeo ma nell’epoca Capello e anche nella prima Roma di Spalletti sulla carta la squadra era potenzialmente competitiva con in rosa fior di giocatori (Cafu, Batistuta, De Rossi, Montella, Emerson, ecc.), eppure il “grande fuoriclasse” non è mai riuscito a fare la differenza e a portare la Roma ad essere protagonista in Europa. Cosa che ad esempio riuscì alla Roma di Falcao e Conti, o anche alla Samp di Vialli e Mancini, altra squadra di non grande blasone.

In nazionale i numeri non sono migliori; 58 presenze e 9 gol, anche qui un dato buono ma non straordinario. Baggio, con circa lo stesso numero di presenze, ha realizzato in nazionale 27 gol. Come si fa a considerare eccezionale un attaccante che con soli 9 gol è 34° nella graduatoria dei realizzatori con la maglia azzurra ? Saranno stati gol pesantissimi? Sembra proprio di no, visto che quelli più importanti sono stati un gol su rigore all’Australia negli ottavi del Mondiale 2006, unico suo gol in carriera ai Mondiali, e due gol nei primi turni all’ Europeo 2000.

Con la nazionale ha vinto il Mondiale, ma di quel Mondiale non è certo stato tra i protagonisti. Ha dato il suo contributo, ma come hanno fatto tanti altri buoni giocatori come Iaquinta, Camoranesi, Zambrotta, ecc. senza essere per questo considerati straordinari. I protagonisti di quel Mondiale furono Buffon, Pirlo, Cannavaro, Grosso, che segnò gol decisivi,non Totti, che ebbe nel torneo un ruolo di secondo piano.

In tutta la sua carriera, Totti ha ottenuto grandi numeri solo nel campionato italiano con 250 gol realizzati (gol che comunque hanno portato alla fine solo ad uno scudetto) ma se non si incide nei grandi tornei non puoi essere considerato grande. Un ciclista può anche vincere cinquanta tirreno adriatico, cento Coppe Agostoni, ma se nei grandi giri o nelle classiche non va più in là di qualche piazzamento come può essere considerato tra i più grandi? Totti entra a pieno titolo nella sala dei giocatori italiani da ricordare ma non può sedersi sul trono e neanche nelle poltrone in prima fila. Si deve accontentare della seconda fila. E a Roma dovrebbero farsi la domanda se in questi ultimi anni sarebbero riusciti a vincere qualcosa se non fossero rimasti ostaggio di questo falso mito.

SONDAGGIO

Precedente Dalla paura del mare a quella dei dentisti: le fobie ridicole dei potenti della storia Successivo Perché Isis colpisce i concerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.