Trump e chiusura frontiere ai musulmani: perché ha sbagliato 2 volte

Cosa ne pensi?

Donald Trump comincia a mettere nero su bianco il suo programma. Come la tanto discussa chiusura delle frontiere a cittadini provenienti da sette paesi musulmani: Iraq, Iran, Yemen, Libia, Sudan, Somalia e Siria. Con effetto immediato ma modalità diverse. Una scelta già aspramente criticata da più parti, soprattutto in virtù della storia degli Stati Uniti, che proprio sugli immigrati basa da sempre la propria forza. Del resto, gli stessi padri fondatori dell’America sono immigrati. Europei che hanno sterminato le popolazioni native. Il neoeletto Presidente statunitense ha sbagliato due volte. Sia per quanto concerne i Paesi musulmani che ha incluso, sia per quanto riguarda quelli che ha escluso. Vediamo perché.

Trump chiude porte a Paesi che America stessa ha rovinato

trump paesi musulmani chiusura frontierePartiamo dal primo punto. Nell’elenco figurano paradossalmente paesi mediorientali che gli Usa stessi, con la loro politica aggressiva e guerrafondaia messa in atto da George W. Bush, hanno destabilizzato. Trasformandoli oggi in paesi nella totale anarchia. Si pensi all’Iraq e alla rimozione di Saddam Hussein, basando quella operazione militare su una mera bugia (la presenza di armi di distruzione di massa e all’ospitalità del Raìs agli attentatori dell’11 settembre). La Libia, dove, se è vero che Muhammar Gheddafi sia stato rimosso da Francia e Gran Bretagna, è anche vero che gli americani hanno dato il loro contributo militare; e avevano nel cuore la sua destituzione fin dagli anni ’80 (ricordiamo l’attentato scansato il 15 aprile 1986 da Gheddafi grazie a una telefonata di avviso per opera di Craxi). La Siria, dove gli Usa hanno finanziato l’Isis per destituire Assad, portando il Paese a una guerra lunga, atroce e sfiancante.

Poi c’è l’Iran, Paese che negli ultimi anni con la fine del potere di Aḥmadinežād sta collaborando molto con l’Occidente. La Somalia, che è un Paese martoriato da fame, carestie e guerra civile. Infine lo Yemen, logorato da due anni da una guerra civile giacché i ribelli sciiti houthi, originari del nord, stanno cercando di destituire Abd Rabbo Mansur Hadi, sostenuto dall’Arabia Saudita. Toh, guarda caso, amica degli Usa. Non a caso, nel 2016 i visti rilasciati a yemeniti erano stati quasi 13mila. Ora non potranno chiederli per 3 mesi, poi si vedrà. Infine il Sudan. Altro Paese perennemente instabile sottoposto a una dittatura.

Trump salva altri Paesi musulmani con cui fa affari

Già, gli arabi amici degli americani. E di Trump. Ma andiamo con ordine. Come ricorda Virgilio, gli attentatori dell’11 settembre arrivavano da Arabia Saudita, Emirati arabi uniti, Egitto e Libano. E questo è il suo secondo errore. Ma è stato voluto. Proprio in questi Paesi, come denunciato in questi giorni dai media americani, con Bloomberg che ha citato i dati registrati dalla Federal Electoral Commission (Fec), il presidente americano fa affari.

In Arabia saudita, Trump ha registrato quattro aziende, tutte con interessi in progetti di sviluppo a Gedda, la seconda città del Paese dopo la Mecca. Negli Emirati, la Trump Organization ha accordi per un club di golf, ville di lusso e una spa in costruzione a Dubai, e un secondo club di golf disegnato da Tiger Woods. In Egitto sono state registrate due aziende: Trump Marks Egypt e Trump Marks Egypt LLC.

Dalla lista sono esclusi anche la Turchia, dove il presidente americano possiede due torri di lusso a Istanbul, e l’Azerbaigian, dove è stata completata la costruzione di un grande hotel, ancora non funzionante. Ugualmente esclusa l’Indonesia, uno dei più grandi Paesi a maggioranza musulmana, dove Trump intende aprire due immobili. Come ricorda la National Public Radio (Npr, organizzazione indipendente no-profit che riunisce oltre 900 stazioni radio statunitensi), nel 2015 Ivanka Trump disse che l’azienda stava valutando “molteplici opportunità a Dubai, Abu Dhabi, Qatar, Arabia Saudita, le quattro aree dove vediamo maggiore interesse”.

AMERICA SCOPERTA DAI MUSULMANI? NON LO DICE SOLO ERDOGAN

Ugualmente escluso dalla lista il Pakistan, da tempo accusato di sostenere il terrorismo e definito da Trump, subito dopo l’elezione alla Casa Biancaun Paese fantastico” guidato da un “tipo super”, ossia il premier Nawaz Sharif. Di origini pachistane, ma con cittadinanza Usa, era il responsabile della strage di San Bernardino del 2015, Syed Rizwan Farook che, insieme alla moglie Tashfeen Malik, pachistana cresciuta in Arabia Saudita, ha ucciso 14 persone e ne ha ferite altre 22.

Precedente Pangasio, il pesce che fa paura: perché sta venendo bandito ovunque Successivo Dopo Usa tocca a Ue: tutti i “Trump” europei che potrebbero vincere elezioni nel 2017

3 thoughts on “Trump e chiusura frontiere ai musulmani: perché ha sbagliato 2 volte

  1. Elisa il said:

    Il problema sarà quando il mondo intero ne risentirà visti i livelli d’emissione…ma tanto lui è vecchio e ricco…che gli frega?

  2. Riccardo il said:

    Questo che riporterà in casa il lavoro lo vedremo, anche perché opera nel paese globale per eccellenza e come si è visto le imprese si ribellano parecchio.

    Il resto lo sottoscrivo caro @Mario Vittorio Guenzi…triste ma vero

  3. Mario Vittorio il said:

    la logica del Grande Nagus Trump e’ chiara anche per un cieco, fermo restando che “america first” mi pare un ottima cosa, ci fosse in Italia qualcuno non cialtrone che dicesse la stessa cosa e poi pero’ l’applicasse davvero, senza favori agli amici degli amici la corruzione la burocrazia straziante, gli sprechi rivoltanti e potrei proseguire per ore.
    Non ho mai creduto nella globalizzazione, e negli ultimi 10-15 anni siamo passati da stato sovrano a burattini dell’europa (minuscola voluta) e della germania in particolar modo.
    Abbiamo visto aziende chiudere in Italia e andare a produrre altrove, Qualche genio (mi pare fu Prodi ma non scommetto)anni fa’ teorizzo’ che noi saremmo diventati un paese di servizi che avrebbe supportato il resto del mondo, risultato siamo al servizio di tutto il mondo, non produciamo piu’ nulla o quasi, ma come merketing immagine e quant’altro siamo assolutamente a livelli di vertice.
    In altre e piu’ semplici parole la gente fa fatica a mangiare tutto il mese ma abbiamo della gente che sa vendere anche i frigorferi agli eschimesi (frigoriferi fatti in cina) e che si sa vendere di conseguenza.
    Trump e’ un demente vero ed e’ anche pericoloso ma almeno ha gia’ cominciato a riportare in casa il lavoro.

Lascia un commento

*