Uber, cos’è e come funziona il sistema di trasporto rivoluzionario che le lobby contrastano

Qualche settimana fa i tassisti italiani hanno scioperato per diversi giorni contro le forme di trasporto “alternativo”, che godrebbero di non pochi vantaggi fiscali e normativi rispetto alla loro categoria. Tra questi, il più noto è senz’altro Uber. Del resto, il sistema di trasporto non può non adeguarsi alle nuove tecnologie, che ci pongono tutto a portata di mano e in pochi tap sullo schermo di uno smartphone o di un tablet.

In questa sede, cercherò di fornire una panoramica esaustiva sul sistema di trasporto alternativo che più sta facendo discutere in più Paesi: Uber. Per il quale mancano ancora delle normative chiare entro cui delimitarlo. Vediamo dunque cos’è Uber, come funziona, le tariffe, come si diventa autista Uber ed altre questioni.

Cos’è Uber

uberAiutandoci con Webnews, cerchiamo di capirne di più su questo sistema di trasporto “alternativo”. Uber nasce tra il 2008 e il 2009 e da un’esigenza concreta: durante una nevosa serata a Parigi, nel 2008, Travis Kalanick (attuale Ceo) e Garrett Camp non riuscivano a fermare un taxi. Fu così che ebbero un’idea: e se si potesse richiedere una corsa con un solo click? D’altronde, i sistemi per chiamare un taxi sono complessi e poco immediati. Mentre i mezzi pubblici impongono all’utente di recarsi in un determinato punto e ad un orario preciso. Parte così la ricerca di finanziamenti, che non tardano ad arrivare. Del resto si sa, negli Usa se un’idea è buona, trova subito riscontri economici. Nell’estate del 2010 si ha il primo lancio della versione beta a San Francisco ed è subito successo, tanto che l’anno successivo arriva la versione ufficiale.

Cosa significa Uber e sharing economy

uber come funzionaVi starete anche chiedendo: cosa significa Uber? La storia del marketing insegna che nomi brevi e simpatici hanno subito un ottimo impatto commerciale. E dietro di loro ci sono significati semplici ed immediati. “Uber” in tedesco è un prefisso che anteposto ad un’altra parola significa “super”. Quindi, anglofonizzando il termine, significa qualcosa di grandioso. Che, peraltro, deriva anche da una doppia esigenza dei nostri tempi: ambientale ed economica. L’inquinamento da smog uccide milioni di persone ogni anno. Le difficoltà economiche stanno rendendo il possesso di un’auto privata di nuovo un lusso; e anche perfino comprare il biglietto di un autobus o di una metro può risultare gravoso. Figuriamoci un taxi. La sharing economy risolve di un colpo entrambi questi aspetti.

Cos’è la sharing economy? Mettere a servizio degli altri la propria auto per trasformarla in mezzo di trasporto urbano per gli altri. Il tutto, ovviamente definendo i termini del servizio, curando l’assistenza al cliente e rendere il viaggio quanto più comodo e gradevole possibile. Risparmia il proprietario dell’auto e altri. Invece di muoversi quattro auto per il trasporto di una persona cadauna, a muoversi sarà un’auto sola.

Come funziona Uber

Premesso cosa sia la sharing economy alla base di questo servizio, diventa anche più semplice capirne il funzionamento. Quando ci si trova in una città dove opera Uber, per beneficiarne sarà sufficiente:

  • aprire l’applicazione da scaricare sul proprio dispositivo mobile
  • selezionare il tipo di auto che si desidera (in base ad esempio al numero di persone da trasportare e altri fattori come il budget a disposizione)
  • specificare il punto in cui ci si trova e la destinazione da raggiungere

uber quanto costa corsaL’app fornisce una stima del tempo di attesa e della tariffa richiesta per la corsa. È anche possibile effettuare una prenotazione, indicando il giorno e l’orario di partenza, così da essere certi di non dover aspettare. I pagamenti e i termini del servizio sono garantiti da Uber, con cui il cliente ha contatto diretto; la quota spettante al guidatore è versata direttamente dalla app ai propri affiliati. Quindi tutto regolamentato e garantito, sia per chi offre il servizio sia per chi ne beneficia.

La app per poterne usufruire è disponibile per tutti e tre i principali sistemi operativi. Viene costantemente aggiornata e migliorata. E’ molto intuibile ed accessibile a tutti. Anche a chi è poco avvezzo con la new tech.

In quali città opera Uber?

uber cos'èPartiamo col dire che in Italia questo innovativo sistema è ancora poco diffuso. Come del resto in tutta Europa, dove viene avversato per i motivi legati agli interessi dei sistemi di trasporto pubblico tradizionale. Comunque, per poter controllare se esiste nella propria città (o dove ci si deve recare per vacanze) è possibile consultare la ricerca sul sito ufficiale.

Quali sono le tariffe di Uber: quanto costa?

Rispondere a questa domanda in maniera univoca è impossibile. Occorre tenere presenti la lunghezza dell’itinerario e il numero di persone che viaggeranno con noi. Ma anche il traffico e la fascia oraria. Quindi, anche volendo fare un calcolo preventivo, esso risulterà comunque approssimativo. Anche su questa questione vi rimandiamo al sito ufficiale.

Come si diventa autista Uber

In tempi di crisi occupazionale, questo sistema può diventare anche un’opportunità lavorativa. Pertanto, è anche lecito chiedersi: come si diventa autista Uber? Il sito ti accoglie così:

«Raccontaci qualcosa di te e della tua auto. I requisiti dei veicoli variano a seconda della zona geografica. Ti indicheremo noi quelli in vigore per la tua città».

E ancora, riguardo i documenti da presentare:

«Esegui l’upload della patente, della registrazione, del talloncino dell’assicurazione e delle informazioni necessarie per la verifica»

Infine, una volta diventati autisti, il sistema dà anche dei consigli:

«Una volta ottenuta l’approvazione per guidare con Uber in qualità di fornitore indipendente, ti forniremo tutto ciò di cui avrai bisogno per avere successo alla guida»

Il rapporto tra l’autista e servizio è garantito sempre dalla app e non prevede particolari vincoli di giorni e orari. Non solo, gli autisti Uber hanno anche altri benefici extra: sconti presso officine e distributori convenzionati grazie ai quali ridurre i costi della gestione del proprio veicolo.

Migliori app gratis per fotomontaggi Android e iPhone

In realtà, di recente Uber ha anche rilevato la startup Geometric Intelligence, per sviluppare auto self-drive. Qualcosa già messo in campo da Google, ma ancora lontana da un uso di massa. Il fattore umano alla guida sembra ancora essere irrinunciabile. Inoltre, un progetto parallelo sta portando alla nascita perfino di un taxi volante. Un velivolo di tipo VTOL (Vertical Take-Off and Landing) come ne vediamo spesso in film di fantascienza futuristici (si pensi alla mitica De Lorean di Ritorno al futuro o Blade Runner).

Perché i tassisti sono contro Uber

uber quanto costa corsaBé non ci vuole molto per capire che viaggiare tramite questo sistema è molto più comodo e conveniente rispetto al tradizionale Taxi. I tassisti italiani e non si sentono insidiati, anche perché hanno fatto mutui per comprare la licenza e ogni anno pagano le loro belle tasse. Per ora hanno vinto la battaglia, col Tribunale di Milano che ha vietato il servizio UberPop su tutto il territorio italiano. Nel frattempo, in altri paesi (come la Germania), gli stessi tassisti hanno intravisto nella piattaforma un’opportunità anziché una minaccia al proprio business, tanto da arrivare ad operare come autisti pronti a gestire le corse di Uber. Con tanto di terminale dedicato all’interno dell’abitacolo e adesivo in bella mostra sulla carrozzeria. Per la serie: se il nemico è più forte di te, fattelo amico.

Se per ora hanno vinto la battaglia, a lungo termine, molto probabilmente, i tassisti italiani perderanno la guerra. La tecnologia è qualcosa che non si può fermare. Ci hanno provato gli operai col luddismo durante la rivoluzione industriale dell’800 e sappiamo com’è finita. Qui entra anche in gioco la capacità della politica di trovare soluzioni che soddisfino un po’ tutti. Ma qui casca anche l’asino. A tanti politici, in chiave elettorale, fa più comodo sostenere le ragioni di una nutrita categoria professionale, anziché quella di tanti cittadini che smanettano sugli smartphone. Costringendoli, non a caso, ancora a prendere i mezzi pubblici tradizionali. Ricordiamo ad esempio come Gianni Alemanno nel 2008 vinse le elezioni a Sindaco di Roma anche schierandosi coi tassisti.

Ai tassisti potrebbero essere alleggerite tasse e burocrazia, così da compensare i sacrifici fatti fino ad oggi. E magari obbligarli ad utilizzare Uber come hanno fatto in Germania. Qualche giorno fa è emerso che la app veniva ugualmente utilizzata in Italia raggirando i divieti.

Precedente Cavalcavia che crollano: dove si trova il prossimo che rischia di cedere Successivo Islam diventerà prima religione nel 2070: i numeri e le ragioni di un’avanzata inarrestabile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.