WhatsApp, Instagram e Messanger saranno integrate: quali rischi

Tempo di lettura:   6 minuti

WhatsApp, Instagram e Facebook Messanger sono le app che utilizziamo quotidianamente. Per molte ore al giorno (sommando tutti i minuti che ci passiamo). Queste app hanno facilitato il modo di comunicare il proprio quotidiano con le persone che conosciamo. Tuttavia, sono anche oggetto di importanti novità.

Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, prevede di integrare queste tre app. Affermando il suo controllo sulle divisioni estese della società in un momento in cui la sua attività è stata martoriata da uno scandalo legato alla violazione della privacy (il caso Cambridge Analytica).

I servizi continueranno a funzionare come app stand-alone, ma la loro infrastruttura tecnica sottostante sarà unificata. Ciò riunirà tre delle più grandi reti di messaggistica del mondo, che messe insieme vantano più di 2,6 miliardi di utenti.

La mossa ha il potenziale per ridefinire il modo in cui miliardi di persone usano le app per connettersi tra loro, rafforzando nel contempo la presa di Facebook sugli utenti, sollevando questioni antitrust, sulla privacy e sulla sicurezza. Sottolinea anche come il signor Zuckerberg stia imponendo la sua autorità sulle unità che una volta aveva promesso di lasciare da solo. Vale a dire quelle di Instagram e WhatsApp. Come noto, app rivelate da Facebook nel 2014.

Il piano – che è nelle fasi iniziali, con un obiettivo di completamento entro la fine di quest’anno o all’inizio del 2020 – richiede a migliaia di dipendenti di Facebook di riconfigurare il funzionamento di WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger ai loro livelli più elementari.

Il signor Zuckerberg ha anche ordinato che tutte le applicazioni includessero la crittografia end-to-end. Un passo importante che protegge i messaggi dall’essere visti da chiunque tranne i partecipanti a una conversazione.

Tuttavia, non mancano preoccupazioni e allarmismi sulle conseguenze che una siffatta integrazione di 3 app così popolari possa avere sulla privacy degli .

In cosa consiste integrazione WhatsApp, Instagram e Facebook Messanger

A spiegare bene la situazione è un lungo articolo del New York Times. In una dichiarazione, Facebook ha dichiarato di voler “costruire le migliori esperienze di messaggistica possibili; e le persone vogliono che la messaggistica sia veloce, semplice, affidabile e privata.

Ha aggiunto:

“Stiamo lavorando per rendere la maggior parte dei nostri prodotti di messaggistica crittografati end-to-end e considerando modi per rendere più facile raggiungere amici e familiari attraverso le reti.”

Cucendo insieme l’infrastruttura delle app, il signor Zuckerberg spera di aumentare l’utilità di Facebook e mantenere gli utenti molto coinvolti nell’ecosistema dell’azienda. Ciò potrebbe ridurre l’appetito delle persone per i servizi di messaggistica rivali, come quelli offerti da Apple e Google.

Se gli utenti possono interagire più frequentemente con le app di Facebook, la società potrebbe anche essere in grado di aumentare la propria attività pubblicitaria o aggiungere nuovi servizi generatori di entrate, hanno detto le persone.

Il cambiamento segue due anni di scrutinio del social network principale di Facebook, che è stato criticato per consentire l’ingerenza delle elezioni e la diffusione della disinformazione. Quelle e altre questioni hanno rallentato la crescita di Facebook e danneggiato la sua reputazione, sollevando le manie dei legislatori e dei regolatori di tutto il mondo. Il signor Zuckerberg ha ripetutamente chiesto scusa per i problemi e ha promesso di risolverli.

Le app di Facebook sono un netto capovolgimento della precedente posizione di Mr. Zuckerberg nei confronti di WhatsApp e Instagram, che erano società indipendenti acquisite da Facebook. Al momento delle acquisizioni, il signor Zuckerberg aveva promesso a WhatsApp e Instagram molta autonomia dalla loro nuova casa madre.

WhatsApp e Instagram sono cresciuti enormemente da allora, spingendo il signor Zuckerberg a cambiare idea, ha detto una delle persone coinvolte nel progetto. Ora crede che l’integrazione dei servizi più strettamente avvantaggierà l’intera “famiglia di app” di Facebook a lungo termine rendendoli più utili, rivela questa fonte. Mark Zuckerberg ha diffuso l’idea per mesi e ha iniziato a promuoverla maggiormente con i dipendenti verso la fine del 2018, hanno detto le persone.

Lo sforzo ha causato conflitti all’interno di Facebook. I fondatori di Instagram, Kevin Systrom e Mike Krieger, hanno lasciato improvvisamente la compagnia lo scorso autunno dopo che il signor Zuckerberg ha iniziato a pesare di più. I fondatori di WhatsApp, Jan Koum e Brian Acton, se ne andarono per ragioni simili.

Più di recente, dozzine di dipendenti di WhatsApp si sono scontrati con il signor Zuckerberg sul piano di integrazione su bacheche interne e durante una controversa riunione del personale a dicembre. Secondo quattro persone che hanno partecipato o sono state informate sull’evento.

WhatsApp, Instagram e Messanger integrate quali rischi

whatsapp iphone

Il piano di integrazione solleva domande sulla privacy a causa del modo in cui i dati degli utenti possono essere condivisi tra i servizi. WhatsApp richiede attualmente solo un numero di telefono quando i nuovi utenti si registrano. Al contrario, Facebook e Facebook Messenger chiedono agli utenti di fornire la loro vera identità. Abbinare gli utenti di Facebook e Instagram alle rispettive maniglie di WhatsApp potrebbe dare una pausa a coloro che preferiscono mantenere separato l’uso di ogni app.

Come ci si aspetterebbe, ci sono un sacco di discussioni e dibattiti mentre iniziamo il lungo processo di capire tutti i dettagli di come funzionerà”, ha detto Facebook in una nota.

Marc Rotenberg, presidente e direttore esecutivo dell’Electronic Privacy Information Center, ha detto venerdì che il cambiamento sarebbe “un risultato terribile per gli utenti di Internet“. Ha esortato la Federal Trade Commission, l’ente di regolamentazione della privacy dell’America, a “agire subito per proteggere la privacy e per preservare la concorrenza.

Il rappresentante Ro Khanna, democratico della California, ha criticato il cambiamento delle basi antitrust.

“Questo è il motivo per cui ci sarebbe dovuto essere molto più scrupoloso durante le acquisizioni di Facebook di Instagram e WhatsApp, che ora sembrano chiaramente fusioni orizzontali che avrebbero dovuto innescare un controllo antitrust”, ha detto in un messaggio su Twitter. “Immagina quanto sarebbe diverso il mondo se Facebook dovesse competere con Instagram e WhatsApp.”

Le persone in molti paesi si affidano spesso solo a uno o due servizi di messaggistica di testo. In Cina, WeChat, prodotto da Tencent, è popolare, mentre WhatsApp è molto utilizzato in Sud America.

Gli americani sono più divisi nel loro uso di tali servizi, messaggi di testo SMS, iMessage di Apple e varie app di chat di Google. In Italia, invece, usiamo molto WhatsApp. Mentre Instagram sta soppiantando Facebook nella pubblicazione di post sul nostro quotidiano.

Zuckerberg forse pensa al potenziale business

Per Facebook, la mossa offre anche strade per fare soldi da Instagram e WhatsApp. WhatsApp attualmente genera poche entrate; Instagram produce entrate pubblicitarie ma nessuna dalla sua messaggistica. Il signor Zuckerberg non ha ancora piani specifici su come trarre profitto dall’integrazione dei servizi, hanno affermato due delle persone coinvolte nella questione. Un pubblico più impegnato potrebbe portare a nuove forme di pubblicità o altri servizi per i quali Facebook potrebbe addebitare una commissione, hanno detto.

Una potenziale opportunità di business riguarda Facebook Marketplace, un prodotto simile a quello di Craigslist in cui le persone possono comprare e vendere beni. Il servizio è popolare nel sud-est asiatico e in altri mercati al di fuori degli Stati Uniti.

Quando le app vengono riunite, gli acquirenti e i venditori del Marketplace di Facebook nel Sud-Est asiatico potranno comunicare tra loro utilizzando WhatsApp, che è popolare nella regione, piuttosto che usare Facebook Messenger o un altro servizio di messaggi di testo non di Facebook. Ciò potrebbe alla fine generare nuove opportunità pubblicitarie o servizi generatori di profitti, ha detto una delle persone.

Alcuni dipendenti di Facebook hanno detto di essere confusi su ciò che ha reso la combinazione dei servizi di messaggistica così avvincente per Zuckerberg. Alcuni dissero che era sconvolgente a causa delle sue passate promesse sull’indipendenza. Quando Facebook ha acquisito WhatsApp per $ 19 miliardi nel 2014, Koum ha parlato pubblicamente della privacy degli utenti e ha detto, “Se la collaborazione con Facebook ha significato che dovevamo cambiare i nostri valori, non l’avremmo fatto.

Il mese scorso, durante una delle riunioni mensili di WhatsApp per i membri dello staff, è diventato chiaro che il mandato del signor Zuckerberg sarebbe stato una priorità nel 2019, ha detto una persona che era presente. Un dipendente di WhatsApp ha poi condotto un’analisi sul numero di potenziali nuovi utenti negli Stati Uniti che il piano di integrazione potrebbe portare a Facebook, ha detto che due persone hanno familiarità con lo studio. Il totale era relativamente scarso, ha dimostrato l’analisi.

Per placare le preoccupazioni, il signor Zuckerberg ha chiamato un incontro di follow-up con i dipendenti di WhatsApp alcuni giorni dopo, hanno detto tre persone. Il 7 dicembre, i dipendenti si sono riuniti intorno ai microfoni negli uffici di WhatsApp per chiedergli perché era così investito nella fusione dei servizi. Alcuni dissero che le sue risposte erano vaghe e tortuose. Diversi dipendenti di WhatsApp hanno lasciato o hanno intenzione di andarsene a causa dei piani del signor Zuckerberg, ha detto la gente.

Unificare l’infrastruttura per WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger è tecnicamente impegnativo. A differenza di Facebook Messenger e Instagram, WhatsApp non memorizza i messaggi e mantiene i dati dell’utente minimi. È l’unico dei servizi a utilizzare attualmente la crittografia end-to-end per impostazione predefinita.

La messaggistica crittografata è stata a lungo supportata da difensori della privacy che temono che governi o hacker possano accedere ai messaggi personali delle persone. Ma solleverà altri problemi per Facebook, in particolare in relazione alla sua capacità di individuare e frenare la diffusione di attività illecite o disinformazione.

L’anno scorso, i ricercatori hanno avuto difficoltà a rintracciare la disinformazione su WhatsApp prima delle elezioni presidenziali brasiliane, prima di trovare finalmente dei modi per farlo. WhatsApp ha recentemente posto dei limiti su quante volte un messaggio può essere inoltrato sul servizio, nel tentativo di ridurre la distribuzione di contenuti falsi.

Precedente Rubi oggetti dall’albergo? Ecco cosa rischi Successivo Fine del Mondo, mancano pochi minuti: a dirlo team di scienziati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.