La crisi del Cinema in Italia: se neanche Supereroi e Fantascienza portano gli italiani al botteghino

Tempo di lettura:   3 minuti

Negli anni ’80 si parlava di crisi del Cinema italiano, perché, morti o invecchiati i registi e gli attori che ne hanno fatto la storia, si vedeva all’orizzonte una situazione desolante. Di fatto verificatasi. Ora dobbiamo parlare di crisi del Cinema in Italia, per il fatto che gli italiani si recano poco al botteghino. Anche quando ad essere distribuiti sono film di Fantascienza o con protagonisti Supereroi. Sarà forse per il caldo, le belle giornate che spingono ad andare altrove, ma anche per una scarsa cultura italiana e per i prezzi esosi dei Multisala. I quali, a fronte di prezzi che arrivano talvolta perfino a 12 euro, offrono poltrone rotte, pubblicità di 35/40 min prima del film, lampade proiettori usurate, schermi sporchi.

Mettiamoci pure il fatto che poco dopo l’uscita è già possibile trovarli in Streaming o in file sharing, e che basta attendere qualche mese e i grandi network già li propongono. Il tutto, insomma, non aiuta. La proposta del Cinema a 2 euro il secondo mercoledì del mese ha dato un po’ di ossigeno alle multisala stesse, ma non ha certo aiutato granché il sistema a risollevarsi (ne ho parlato qui). E’ come un ristorante in crisi, che per risollevarsi anziché investire sulla qualità, sul marketing e sull’estetica, offre prodotti e servizio peggiori. Ecco i dati negativi dei film più attesi.

I flop di Wonder Woman e Johnny Depp

wonder womanSe un mesetto fa il debutto di Alien Convenant – nuova saga del cult di Ridley Scott Alien – ha fatto registrare un buon incasso con quasi 4 milioni nel primo weekend (ma proprio perché trainato da una saga di successo), in questi weekend si è registrato un flop dopo l’altro. E pure di film noti e molto attesi. Come riporta Il Giornale, ad inizio giugno si è registrato un -36,6% rispetto a un anno fa, nonostante la proiezione di due dei titoli che più avrebbero dovuto trascinare i già asfittici incassi. Il caso più curioso è quello di Wonder Woman. La pellicola sull’eroina DC Comics, infatti, ha debuttato alla grande in America, con 100 milioni di dollari (che sono già 223 a livello mondiale, contro un costo di 149 milioni), che è anche il miglior risultato ottenuto, nel primo fine settimana, da un film diretto da una donna, in questo caso la regista Patty Jenkins. Ebbene, in Italia, il cinecomic si è piazzato solo secondo dietro i Pirati dei Caraibi 5 che ha raggiunto quota 8.575.783 euro, staccando biglietti per un totale di 1.087.162 euro (media da 1.815 euro).

Certo, il film, a parte la bella attrice protagonista, non offre granché. Tra improbabili effetti speciali, trama a tratti ridicola, duello finale da «scult». Peggio è andato a Baywatch, sorta di omaggio alla Serie Tv, ma si discosta di molto rispetto ad essa puntando sul demenziale. Ha raggiunto il terzo posto con 691.626 euro, pur con una discreta media per schermo da 2.135 euro. Tra gli altri debuttanti, interessante il risultato ottenuto dall’ottimo francese Quello che so di lei, quinto con 113.677 euro. Settimo, invece, il simpatico cartone tedesco Nocedicocco – il piccolo drago, mentre ha chiuso in decima posizione l’evento The Beatles: Sgt. Pepper & Beyond. La crisi non risparmia neanche i Fab Four.

Neanche la Mummia attira

Non scalda i cuori neanche La Mummia, film con protagonista Tom Cruise e anche in questo caso molto diverso da quello visto qualche anno fa. Puntando di più su azioni ed effetti speciali e meno su trama e psicologia. Come riporta Mymovies, al suo esordio di venerdì scorso ha fatto registrare quasi 141mila euro. Ora la speranza è riposta nel nuovo episodio de I Transformers, Transformers: l’ultimo cavaliere. Numero cinque della serie degli automezzi che diventano robot. Se anche loro falliscono…

Precedente Sapevi che la spada di Excalibur si trova in Italia? Ecco dove Successivo Nostalgia canaglia degli italiani per il Fascismo: i numeri sorprendenti dei partiti neofascisti alle ultime elezioni

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.