Ikea, ecco perché mobili hanno nomi strani: svelato il segreto

Ikea, il megastore che più di ogni altro genera contemporaneamente un alto tasso di odio e amore. C’è chi ci passerebbe delle ore, seguendo come Dorothy ne Il mago di Oz, il percorso giallo. Mangiando poi magari anche del cibo svedese per completare la semi-gita. E chi invece non ci metterebbe mai piede, e al sol pensiero gli vengono i giramenti di testa. Una cosa però accomuna fan e denigratori di Ikea: il chiedersi perché i suoi mobili hanno quei nomi strani. Oumbarling, Landskrona, Nackten bathmat, Dagstorp. Tanto per citarne qualcuno. Lingua proibitiva svedese si penserà. Certo. Ma dietro quei nomi per noi così assurdi si nasconde in realtà qualcosa di impensabile. Vediamo dunque perché i mobili Ikea hanno nomi così strani.

Da dove derivano i nomi dei mobili Ikea

ikeaPartiamo dall’ultimo nome strano enunciato: Dagstorp. E’ un sofà che porta il nome di una località svedese a nord di Malmo. Come riporta Libero, lo ha scelto anni fa Ingvar Kamprad, il fondatore della catena di mobili più famosa del mondo, e per lui è pure facile da pronunciare. Il motivo è presto detto: il padre dell’ Ikea da ragazzo soffriva di dislessia. Non riusciva a ricordare i codici dei prodotti che aveva nel suo negozio di sedie, letti e armadi. Così è corso ai ripari e ha messo a punto un sistema che si è rivelato infallibile per supplire alla sua carenza: anziché associare a ogni oggetto un numero, ha dato loro i nomi che più sentiva ripetere durante il giorno. Una scelta diventata poi marchio di fabbrica vincente per Ikea.

Il significato dei nomi dei mobili Ikea

mobili ikeaEcco qualche esempio: a guardaroba e mobili da salone esposti nello store Ikea sono stati associati i nomi di località norvegesi; le librerie si sono chiamate con i nomi delle professioni scandinave; alle scrivanie e alle sedie girevoli sono stati appioppati nomi maschili (nordici, manco a dirlo); ai tessuti e alle tende quelli femminili. Ancora: i tappeti portano il nome di posti danesi; le decorazioni da parete sono individuate attraverso espressioni dello slang svedese e ai divani (Dagstrop non fa eccezione) sono state assegnate le località svedesi.

Ikea, risparmio col brivido: tutti i prodotti ritirati perché pericolosi

Non solo Mr Ikea, altri dislessici di fama

einsteinKamprad è anche in buona compagnia. Tra i vip dislessici troviamo Tom Cruise, Pablo Picasso, John Lennon, perfino Albert Einstein. George Bush da studente aveva difficoltà riconducibili alla dislessia. E sappiamo come gli è andata: è stato per due mandati Presidente degli Stati Uniti, giusto il tempo di rovinare il mondo. Ma gli Usa si sa, sono terra di grandi occasioni.

Lascia un commento

*