BERLUSCONI RISORGE E GRILLO FA BOOM, GLI ITALIANI CONFERMANO DI AMARE ILLUSIONISTI E TEATRANTI

Tempo di lettura:   4 minuti

L’ASSE PD-SEL NON VOLA, FLOP DI MONTI E INGROIA
Come nel 2006, i sondaggi hanno fatto di nuovo flop. Anzi pure peggio di allora. Il parlamento uscito dalle urne è frammentato e l’Italia è così drammaticamente ingovernabile. Alla Camera il centro-sinistra riesce ad ottenere la maggioranza per un soffio, mentre al Senato c’è una situazione di stallo e anche la possibile alleanza Bersani-Monti-Vendola non riuscirebbe a dare una maggioranza per governare (insieme arrivano a 143 seggi, mentre ne servono 158). Molto difficile dunque creare anche un Governo di larghe intese.
Il Movimento 5 stelle ha superato le più rosee aspettative dei suoi militanti e del suo leader stesso, il quale sentiva comunque nell’aria il “rischio” di doversi assumere una certa responsabilità. Berlusconi ha dimostrato ancora una volta di essere un combattente, sconfiggendo i tanti, forse quasi tutti, che lo ritenevano già finito; in due mesi, con una massiccia campagna elettorale, ha raddoppiato i consensi attribuitigli dai sondaggi, ritornando perfino ai consensi di tre anni fa, recuperando i cali registrati nelle elezioni amministrative degli ultimi due anni. Il centrosinistra non è autosufficiente, con Pd e Sel che hanno perso 3-4 punti a testa. Flop della lista Monti, che guadagna pochi seggi in entrambe le Camere, con l’Udc che si salva con qualche seggio. Mentre Ingroia non ne prende nemmeno uno.

IL CENTRO-SINISTRA SI AFFLOSCIA– Bersani era dato da tutti i sondaggisti, e buona parte dei commentatori politici, come il sicuro prossimo Premier. E invece il Pd ha perso 5-6 punti, mentre Sel ha dimezzato i propri consensi rispetto alle aspettative elettorali; nullo invece il sostegno apportato dal Centro democratico (che comunque vede entrare in parlamento i due principali esponenti, Tabacci e Donadi, per la regola del “miglior perdente”). A pesare sul Pd probabilmente il minor appeal del candidato Bersani rispetto a Renzi e lo scandalo Mps, mentre Vendola ha perso voti in favore di Ingroia e Grillo. Tra questi ultimi due, le preferenze a sinistra li ha attirati più il comico che l’ex Pm.
GRANDE RIMONTA DI BERLUSCONI– Dato per finito fino a inizio novembre, il Cavaliere è riuscito nel miracolo di ritrovare i voti persi gradualmente negli ultimi due anni, ritornando quasi ai consensi delle regionali 2010. La massiccia campagna elettorale del mattatore di Arcore, presente in ogni dove, è riuscita nell’impresa; le due mosse vincenti per recuperare il proprio elettorato sono state la promessa del rimborso IMU e la possibilità di un nuovo condono. Temi cari a tanti italiani, soprattutto i meridionali; non a caso, eccetto la Basilicata, tutte le regioni del sud sono andate al centro-destra. Minore l’apporto della Lega, che è letteralmente crollata sia alla Camera che al Senato, ottenendo il 4%; infatti al Nord il centro-destra ottiene solo la Lombardia e il Veneto. Gli scandali di casa Bossi e il ritorno nelle braccia del Cavaliere hanno influito molto.
BOOM DI GRILLO – Un risultato del genere non se lo aspettava neppure il comico genovese, che ha ottenuto il 25% alla Camera e il 23% al Senato. Ha rosicchiato voti al Pd, alla sinistra massimalista, alla Lega, ha attinto voti da un giovane su tre che è andato per la prima volta alle urne e tra tanti indecisi e potenziali astenuti. Alla Camera è perfino il primo partito e ottiene 108 deputati e 54 senatori. Un risultato incredibile, mai verificatosi per un partito alla prima tornata elettorale alle politiche.
FLOP DI MONTI E CASINI, FINI FUORI DAL PARLAMENTO – In queste elezioni gli italiani hanno punito l’austerità, con la lista Monti che ha ottenuto solo il 9% al Senato (pur comprendendo l’Udc e Fli), ottenendo solo 18 senatori; mentre alla Camera i tre simboli sono andati divisi, ottenendo il 10% di coalizione sufficiente per avere seggi, ma ripartito miseramente tra i 37 della Lista civica per Monti e gli 8 dell’Udc. Non vedremo così più la faccia di Cesa o della Binetti, ma soprattutto, del Presidente della Camera Gianfranco Fini, visto che il suo Fli ha ottenuto un vergognoso 0,46% e dunque zero seggi.
LA RIVOLUZIONE CIVILE DI INGROIA MUORE IN PARTENZA – Come già detto in un post precedente, la Rivoluzione civile di Ingroia è morta in partenza, ottenendo un misero 3% in entrambi i rami del Parlamento. L’ex Pm si mostrava come la novità, ma nella sua lista vi erano vecchie facce: Di Pietro, Diliberto, Ferrero, Bonelli, la cui candidatura ha sacrificato quella realmente innovativa di altre persone, quali ad esempio i giovani dell’agenda rossa in Sicilia. Rivoluzione civile ha solo tolto voti a Sel, che ha dimezzato come detto il proprio consenso. Debacle anche a Napoli, nel feudo (forse ormai ex) del Sindaco de Magistris, dove Rc ha ottenuto solo un 3%, molto lontano dai dati straripanti dell’ex pm alle elezioni amministrative di un anno e mezzo fa.
GIANNINO QUASI INESISTENTE – Fare per fermare il declino, movimento creato da Oscar Giannino e altri economisti, ottiene un misero 1% alla Camera mentre al Senato non ci arriva neppure. Se il suo ingresso alla Camera era già difficile, a renderlo più complicato ci si è messo il pasticcio dei titoli di studio, creato da uno degli esponenti del movimento, Zingales, a 5 giorni dalle elezioni. Il movimento comunque dovrebbe ancora esistere, almeno stando alle dichiarazioni dei rappresentanti nel dopo-spoglio.
Intanto le Borse crollano, lo Spread sale e i giornali stranieri ci deridono. Siamo tornati alla stessa situazione pre-governo Monti. Cinque anni fa a rovinarci fu l’Ici, ora l’Imu.
Precedente NON FARTI CADERE LE BRACCIA, 40 ANNI FA IL PRIMO ALBUM DI EDOARDO BENNATO Successivo LA CARNE DI CAVALLO POTREBBE TROVARSI IN TUTTI GLI ALIMENTI

0 commenti su “BERLUSCONI RISORGE E GRILLO FA BOOM, GLI ITALIANI CONFERMANO DI AMARE ILLUSIONISTI E TEATRANTI

  1. Grillo in effetti non è un illusionista, lo dicono pure i tedeschi, è un comico.solo che non fa piu ridere come un tempoun comico in decadenza senile

  2. veramente Grillo non è un illusionista…Illusionista è Bersani… che ha illuso i lavoratori di schierarsi dalla loro parte… invece finanzia scuole private, banche private, ospedali privati…mentre persino in olanda si nazionalizzano le banche in difficoltà …( ed è notizia di pochi giorni fa… ) qui si parla di Grillo come di un comico…lontanissimi d'alema e soci dalla realtà quotidiana… lontanissimi dai bisogni quotidiani… e dalla onestà !!!continuate comprare caccia F35, a finanziare il ponte sullo stretto… e la TAV… continuate così e poi date la colpa al mov. 5 stelle… bene, bravi, bis !!!tanto adesso farete il governo tale e quale a quello prima delle elezioni, alleandovi con monti e berlusconi, pur di non far vincere l'onestà.

  3. Anonimo il said:

    ottima analisi Luca… il vero e grande problema rimane il popolo italiano, eterno indeciso e passivo nel senso letterale del termine… ma la gente è stanca e l'ha dimostrato, vedremo gli sviluppi.Optimus

  4. Antonio il said:

    sul bomm di grillo ci puo pure stare….per un cambiamento radicale…ma lo scandalo è credere ancora nel nano malefico ke skif

  5. Anonimo il said:

    Benissimo, continuiamo a dare la nostra fiduciaai suonatori di piffero o a quelli dal vaffa… facile perché hanno carisma,sono simpatici o sono trascinatori, invece di essere sicuri che siano "onesti e competenti amministratori della cosa pubblica"; poi lamentiamoci dei disastri economici che ci procurano e mugugnamo col dire "perché la politica è sporca" o col "tanto sono tutti uguali" !

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.