Se la SLA uccide i calciatori, la CTE i giocatori di football: cos’è questo male oscuro

In un precedente articolo mi sono occupato di SLA (Sclerosi laterale amiotrofica) e della sua alta incidenza tra i calciatori. Delle cui cause si sa ancora poco: si va dalle conseguenze dei traumi dovuti agli scontri fisici al possibile abuso di farmaci e dopanti da parte degli atleti, fino ai fattori ambientali (la cosiddetta “erba killer”, dove sono presenti pesticidi, diserbanti e acque inquinate con cui si irrigano i campi di gioco). Più probabile, comunque, si tratti di una concausa tra questi fattori. In realtà, purtroppo solo in Italia è stata condotta una maxi inchiesta da parte del giudice Raffaele Guariniello. Mediante la quale si è tentato di far luce sui circa sessanta casi di morti di Sla riscontrati su 24mila calciatori, censiti dal 1971 al 2001. Nel Football americano a far paura è invece un’altra sindrome: la CTE, acronimo di encefalopatia traumatica cronica. Che sta mietendo altrettante vittime. Ultima Rashaan Salaam. Due sono le ricerche più importanti sulla CTE, vediamo cosa dicono.

Rashaan Salaam, ultima vittima della CTE

Rashaan SalaamCome riporta Il Fatto quotidiano, Rashaan Salaam era un ex giocatore di football, 42 anni. Si è suicidato in un parco nel Colorado sparandosi un colpo alla testa dopo che da anni sentiva voci ed aveva allucinazioni. Come ha confessato suo fratello Jabali Alaji, sintomi tipici della CTE e che preoccupa sempre più le autorità sanitarie negli Stati Uniti. Salaam è stato uno dei migliori giocatori al college negli anni ’90, ricevendo anche il prestigioso Heisman Trophy ma dopo un’ottima annata da rookie con i Chicago Bears diventando anche il giocatore più giovane a raggiungere le 1.000 yard su corsa, non ha avuto la carriera che tutti gli pronosticarono a causa di una vita fuori dal campo troppo dissoluta, spesso incastrato per consumo di marijuana ed altre sostanze stupefacenti, e per un corpo troppo fragile rispetto alle botte richieste da chi gioca in NFL.

CTE, le due ricerche recenti

Avvenire riporta lo studio condotto dal dottor Everett Lehman, del National Institute for Occupational Safety and Health di Cincinnati (Ohio), è giunto alla conclusione che

«i giocatori di football americano, muoiono tre volte più del resto della popolazione per malattie neurodegenerative in generale ».

Nel calcio i malati di Sla sono 7-8 volte più della media, nel football americano di Sla o Morbo di Gehrig la mortalità è quattro volte superiore. I giocatori di football si ammalano di più rispetto alle altre categorie sociali anche di Alzheimer (4 volte sopra alla media), ma la grande piaga è la Cte che già negli anni Trenta era nota come “demenza pugilistica”: la patologia per cui i pugili vanno incontro alla perdita progressiva della memoria, delle facoltà motorie e cognitive. Il dato epidemiologico non lascia scampo: la Cte è il “morbo” del football americano. Su 3.400 ex giocatori professionisti – età media di 57 anni, in attività per almeno un lustro nelle stagioni agonistiche che vanno dal 1959 all’88 sono stati registrati 334 decessi, circa il 10% di questa specifica popolazione sportiva. Del resto uno studio neurologico del 2000 aveva riscontrato che il 61% degli oltre mille professionisti del football testati avevano subito almeno una commozione cerebrale in carriera.

La Gazzetta dello sport riporta invece lo scioccante annuncio fatto dai ricercatori della Boston University: il rischio di encefalopatia non è solo per i professionisti, ma per chiunque giochi a football americano. L’annuncio è arrivato dopo l’autopsia fatta sul corpo di un ragazzo di 25 anni, che aveva giocato a football fin da bambino, ma che al primo anno di college aveva smesso. L’autopsia ha confermato che il 25enne soffriva di encefalopatia traumatica cronica, fatto questo che ha spiegato così la parabola drammatica che ha accompagnato gli ultimi anni di vita di questo ex-giocatore non professionista. La Boston University School of Medicine ha spiegato che il ragazzo aveva subito più di 10 commozioni cerebrali in carriera, la prima quando aveva solo 8 anni. Durante il primo anno al college il giovane è stato vittima di un trauma alla testa in una partita, con la perdita momentanea di conoscenza. Un colpo che gli aveva lasciato mal di testa, dolore al collo e altri sintomi che includevano difficoltà mnemoniche e di concentrazione. Smise così di giocare, ma le sue condizioni sono peggiorate: la depressione e la dipendenza dalla marijuana, usata per lenire i forti mal di testa, l’addio al college. E alla fine, dopo due anni di violenze domestiche sulla sua giovane moglie, la morte per arresto cardiaco dopo un’infezione da staffilococco. Una morte dunque che va al di là dei tanti casi di professionisti coinvolti, direttamente o attraverso le loro famiglie (molti sono vittime di Alzheimer) : qui in ballo c’è il gioco stesso. Secondo uno dei ricercatori “dopo il secondo (di dieci!) colpi violenti il ragazzo si sarebbe dovuto dare al golf...”.

CTE, il male del football: le tante testimonianze drammatiche

Colpi violenti, a volte proibiti, come quel «cazzotto sul casco» che causò il primo trauma cranico di Rayfield Wright – ruolo offensive tackle, il protettore del quarterback – bandiera dei Dallas Cowboys. «Ne ho avuti così tanti di quei traumi che ho perso il conto… », ha dichiarato Wright ritiratosi nel 1979: oggi è un settantenne al quale è stata diagnosticata la Cte. A Kyle Turley, anche lui offensive tackle, classe 1945, nel 2007 quando era in forza ai Kansas City Chiefs venne diagnosticata la stessa malattia.

«Anch’io ho avuto diverse commozioni cerebrali frutto dei troppi traumi cranici. Dopo certe botte alla testa non ricordi molto – ha raccontato Turley – . Ci sono volte in cui colpisci un tizio e poi sei coinvolto in una mischia dove tutto finisce sottosopra. Sei confuso. E ci sono altre volte in cui parti dalla tua parte di campo, e vai su e giù, quindici, diciotto volte di fila. E ad ogni azione: scontro, scontro, scontro. Davvero, ci sono queste specie di esplosioni bianche – “bum, bum, bum” – e le luci diventano più fioche e chiare».

Un racconto drammatico in cui si sono riconosciuti quei 2mila giocatori e le loro famiglie che hanno avviato una class action contro la Nfl (National football league), responsabile secondo loro di aver taciuto in questi anni le informazioni relative ai possibili danni cerebrali correlati alla pratica professionale. Alla Nfl erano stati chiesti danni per 765 milioni di dollari, ma il giudice federale Anita Brody ha negato l’approvazione per il patteggiamento, perché dalle indagini sono emersi 20mila casi di giocatori che hanno avuto commozioni cerebrali in carriera:

«Per cui – ha sentenziato il giudice – quella cifra non riuscirà a coprire tutti gli atleti che hanno ricevuto una diagnosi medica, né le loro famiglie». La Nfl ha preso provvedimenti cautelari per diminuire il numero degli scontri di gioco, specie le «testate casco contro casco».

giocatori football morti cteMa intanto il football americano rimane uno sport che esalta la ferocia agonistica. «Più ti scontri e più sei un vero campione», è lo slogan dei guerrieri dell’ovale made in Usa. Intanto il numero delle vittime di Cte salgono, e come nel calcio è emerso che i più colpiti dalla Sla sarebbero i centrocampisti, nel football americano l’incidenza massima dell’encefalopatia si registra tra i quarterback, guarda caso le menti pensanti delle squadre. Menti purtroppo perdute quelle dei poveri Junior Seau, Dave Duerson e Ray Easterling, ex giocatori della Nfl, uniti da un tragico destino: il suicidio. Affetti da depressioni e demenza precoce correlata alle maledette commozioni cerebrali che avevano subito in campo tutti e tre si sono tolti la vita sparandosi un colpo di pistola. Duerson prima di andarsene per sempre ha inviato un drammatico sms ai famigliari in cui li implorava: «Mandate ad analizzare il mio cervello al laboratorio della Boston University School of Medicine».

Scudetto 1914-15 alla Lazio: tutti gli altri casi che riscriverebbero la storia del calcio italiano

In questo centro specialistico nel 2011 a Duerson avevano diagnosticato la malattia neurodegenerativa causata dalle botte in testa prese nel periodo in cui giocava a football. Così poi, anche i famigliari di Junior Seau hanno deciso di chiedere al centro di Boston di analizzare il cervello del figlio defunto. E su questo solco ecco l’ultimo dato impressionante: il 95% degli ex giocatori di football americano (87 su 91) che hanno donato il cervello alla ricerca scientifica è risultato positivo ad una patologia collegata ai traumi cranici.

«Questo è il football. Ti dicono che può capitarti sia di farti male che di infortunarti. Non esiste una via di mezzo. Se sei infortunato non puoi giocare, ma se ti sei fatto male puoi giocare eccome. Il discrimine fra queste due cose è la capacità di mettersi in testa un casco e un paraspalle», ha detto uno sconsolato Turley.

Un j’accuse che ha messo sulla strenua difensiva almeno il 40% (cifra da sondaggio) dei genitori americani, i quali fanno sapere di non avere nessuna intenzione di mandare più i loro figli a rischiare la salute, e forse anche di morire, su un campo da football.

CTE, non solo nel football

Sempre la succitata ricerca dell’Università di Boston ha sottolineato come la CTE non affligga solo i giocatori di football. Ma anche gli atleti di boxe e wrestling, che subiscono colpi meno violenti, ma più numerosi, i quali portano a microemorragie che alla lunga arrecano effetti devastanti. La dottoressa McKee: “Gli atleti sono solitamente più forti, più grandi, più veloci e i colpi sono dunque più violenti. E i danni sono più probabili e peggiori“.

CTE nel Cinema

zona d'ombra cteIl male oscuro CTE sta attirando anche l’attenzione del Cinema. Già nel 2009 uscì sul grande schermo The Blind Side, con Sandra Bullock, scritto e diretto da John Lee Hancock. Mentre lo scorso anno è stata la volta di Zona d’ombra – Game Brain, scritto e diretto da Peter Landesman, con protagonista Will Smith. Più esplicitamente pellicola di denuncia. Il cinema è storicamente un ottimo mezzo per accendere i fari su certi fenomeni.

Precedente Film su Edith Piaf: la Vie en rose, trama e recensione Successivo Olio di palma causa anche sfruttamento minorile: i marchi coinvolti

Un commento su “Se la SLA uccide i calciatori, la CTE i giocatori di football: cos’è questo male oscuro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.