Forni crematori, l’ultima bufala americana contro Assad

Cosa ne pensi?

La storia non ci insegna niente. Ma questo lo sapevamo già. Da Pearl Harbor in poi, gli Stati Uniti producono false notizie, definibili col lessico attuale “bufale”, per muovere la propria macchina militare. Vero motore per l’economia di quel Paese. Ma anche per posizionarsi geograficamente in zone strategiche. Nell’ultimo ventennio ricordiamo Kosovo, Afghanistan e Iraq. Da sei anni tocca alla Siria. Sebbene qui l’influenza russa e turca in quel territorio sta complicando le cose, così come la pericolosa indipendenza operativa acquisita dall’Isis; poi ci sono i curdi, che con coraggio recriminano la loro fetta di territorio. Malgrado il sostegno di altri partner mediorientali filoamericani, come Arabia Saudita e altri Paesi del Golfo. Non a caso risparmiati dal “muslim ban” di Donald Trump.  Il tutto, come sempre, a discapito dei civili.

Immancabile ora la solita accusa da parte degli Stati Uniti al mostro di turno per toccare il cuore della comunità internazionale e giustificare il proprio operato. Con i principali media Mainstream che si bevono tutto e lo diffondono come notizia vera. L’ultima trovata Made in Usa è che Assad abbia utilizzato dei forni crematori, che rievocano atrocità che credevamo appartenere al secolo scorso. Con tanto di foto satellitare in bianco e nero. Ma è vera?

Forni crematori in Siria come armi chimiche di Saddam?

Come riporta Contropiano, a parlare di forni crematori in Siria è il viceministro degli esteri statunitense, che rievoca, oltre il Nazismo, anche la “boccetta” tenuta in mano da Colin Powell (sicuramente più autorevole di lui, curriculum alla mano) e agitata durante un’assemblea dell’Onu per “provare” che Saddam Hussein possedeva “armi di distruzione di massa” e strappare quindi un via libera alla guerra conro l’Iraq del 2003.

forni crematori siria

A voler essere precisi, l’accusa attuale è ancora meno credibile agli occhi stesi di chi la stava formulando. Tant’è vero che, per non essere coperto dal ridicolo, lui stesso precisa che “l’architettura” di certi edifici “non prova in modo assoluto” che si tratti davvero di forni crematori, ma possiedono una “coerenza” con la struttura dei forni.

Chiunque abbia fatto visita ad Auschwitz, o altri luoghi dell’orrore assoluto, ha potuto vedere che “l’archietettura” non possedeva alcuna originalità o caratteristica rilevante. Una serie di corpi di fabbrica, anonimi capannoni, dormitori, ecc. E’ quel che avveniva lì dentro a costituire ancora oggi l’abisso insuperabile – non certo “inarrivabile”, visto quel che accade nel mondo da allora in poi – con cui dobbiamo fare i conti. Dall’alto, quell’architettura è assolutamente uguale a quella di un carcere o di un centro di accoglienza, o di una fabbrica anni ’50.

Mancano prove concrete

L’assenza di prove documentali è dovuta al fatto che probabilmente i forni stessi non esistono. Ma nessuno nel Mondo Libero solleva la questione dell’onere della prova perché nessuno ne sente il bisogno. La Voce del Padrone è di per sé l’orizzonte di tutto ciò che è percepibile e valido. Se ad usare certi termini sono gli Usa, va bene. Se lo avessero fatto Paesi rivali, si sarebbe subito parlato di antisemitismo.

chi sono alleati di assadFortunatamente, comunque, a fare da contraltare agli Usa in Siria ci sono altre superpotenze. Che non si accontentano certo di una foto presa dal satellite con un paio di indicazioni. Russia e Turchia difficilmente molleranno la presa. Sempre a discapito, come detto, della popolazione inerme. O di quello che ne rimane.

Precedente Salvini ottiene plebiscito a Primarie Lega: ma c’è un aspetto che deve preoccuparlo Successivo Wannacry: cos’è e come difendersi dal Virus

Lascia un commento

*