Crea sito

GIORGIA MELONI COME FINI, UN ALTRO DELFINO DELUDENTE

Ultimo aggiornamento

COME GIANFRANCO DELUSE ALMIRANTE, LEI HA DELUSO LUI
Una ragazza in gamba. Una carriera da record, a maggior ragione in un Paese dai tempi jurassici come il nostro. Eppure già macchiata, malgrado la giovane età, dal solito opportunismo che scandisce la carriera dei politici italiani. Parlo di Giorgia Meloni, 35 anni il prossimo 17 gennaio, già ex Vicepresidente della Camera e Ministro della Repubblica.

LA BRILLANTE E VELOCE CARRIERA– Di origini sarde da parte di padre e siciliane da parte di madre, è nata e cresciuta nel popolare quartiere della Garbatella a Roma. Inizia il suo impegno politico nel 1992 a 15 anni aderendo al Fronte della Gioventù. Dopo una gavetta quinquennale nelle organizzazioni studentesche vicine ad Alleanza Nazionale, nel 1998 viene già eletta consigliere della Provincia di Roma con AN, rimanendo in carica fino al 2002. Entra nelle grazie del Presidente di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini, e diventa prima Dirigente nazionale e poi Presidente di Azione Giovani.
Nel 2006 a 29 anni, viene eletta alla Camera dei deputati nella lista di Alleanza Nazionale nel collegio Lazio 1, divenendo la più giovane donna parlamentare della XV Legislatura. Dal 2006 al 2008 è uno dei vicepresidenti della Camera dei deputati: la più giovane di tutta la storia della Repubblica Italiana. Nel 2008, poco dopo l’insediamento della XVI Legislatura diventa, a soli 31 anni, ministro della Gioventù del Governo Berlusconi IV, mantenendo la presidenza di Azione Giovani. Nel 2009 Meloni diviene presidente del movimento politico giovanile del Popolo della Libertà, denominato Giovane Italia; per poi dimettersi nel giugno 2011, iniziando la sua insofferenza verso il partito.
IL PARZIALE ALLONTANAMENTO DAL CAVALIERE – Nel novembre 2012 ha annunciato la propria candidatura alle primarie del PdL, poi mandate al macero dalla sesta ricandidatura di Berlusconi. Il 20 dicembre 2012 lascia il PdL e crea assieme a Guido Crosetto e Ignazio La Russa il partito Fratelli d’Italia – Centrodestra Nazionale. Una sorta di Alleanza Nazionale, che nel simbolo non ha più una fiamma tricolore, bensì una corda intrecciata; pur sempre tricolore. Un partitino che comunque orbita sempre intorno al partito del Cavaliere.
IL TRADIMENTO VERSO FINI – Leggendo la sua biografia, si nota come il suo percorso politico sia stato segnato da Gianfranco Fini, che ne ha fatto una sua delfina. Purtroppo però, i delfini spesso deludono e tradiscono. E come Fini ha deluso il defunto Giorgio Almirante che gli consegnò le chiavi della destra italiana – che lui ha svenduto a Berlusconi seguendolo fedelmente per 16 anni, approvandone ogni nefandezza, per poi svegliarsi da un momento all’altro – così la Meloni ha tradito il buon Gianfranco. In particolare quando, alla fine del 2010, Fini uscì dal Pdl per fondare Futuro e libertà, insofferente col Cavaliere. Lei, Ministro della gioventù, ha invece preferito restare solida alla sua poltrona, non seguendo il Presidente della Camera. Solo ultimamente ha avuto uno scatto d’orgoglio dinanzi all’ennesima ricandidatura di Berlusconi, fondando, come detto, insieme a Crosetto e LaRussa “Fratelli d’Italia – Centrodestra Nazionale”. Un sussulto di poco conto però, considerando che questo partitino si alleerà sempre col Pdl alle prossime elezioni.
Nel novembre 2011 ha scritto un libro: Noi crediamo. Noi invece credevamo. In lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.