Crea sito

Lega Pro destinata al fallimento? Le tante squadre già vittime del sistema

Una volta si chiamava Serie C, coi suoi vari gironi. Ora si chiama Lega Pro e sembra pure essere diventata un lusso per pochi. A confermare che il calcio è un sogno che costa, anche troppo. E così nella nuova Lega Pro fioccano fallimenti e penalizzazioni. Inflitte a squadre che non ce la fanno coi costi da parte della Co.vi.soc., la Commissione di vigilanza delle società di calcio. Ecco i numeri di un sistema destinato al fallimento.

Lega Pro, la strage di squadre

lega proNelle ultime cinque stagioni, 28 fallimenti. Su 329 squadre, 71 penalizzazioni. Classifiche e gironi riscritti dalla giustizia sportiva. Vince sempre l’orco che si materializza in libri contabili spediti in tribunale: è il caso dello Sporting Bellinzago, che lo scorso centra la promozione dalla D ma non ha i fondi per iscriversi. Si sveglia dal sogno e si ritrova in Eccellenza. In altre realtà si sfiora il tragicomico: il Monza, ora in D, lo scorso anno, in ritiro, si portava la spesa da casa. Il Barletta, a febbraio 2015, sceglie come “advisor” il capo ultrà, incaricandolo di trovare acquirenti per la società. Ad oggi, a metà campionato, già si contano 7 società penalizzate: Lucchese (-1, Girone A) e Maceratese (-3, Girone B). Nel giorne centromeridione, un quinto delle squadre ha già subito decurtazioni. Casertana (-2), Catania (-7), Fondi (-1) Melfi (-1).

Come funziona la Lega Pro

come funziona lega proCome funziona la Lega Pro? E quanto costa iscriversi alla Lega Pro? Come riporta Il Fatto quotidiano, consta di tre gironi, 60 squadre e costi insostenibili rispetto al fatturato medio. Ogni società, per partecipare al campionato, versa 600 mila euro di fidejussione, più 90 mila di iscrizione al campionato. Quindi, deve sottoporsi a un controllo trimestrale sul budget finanziario con l’obbligo di ripianare (entro 30 giorni) ogni forma di sconfinamento, pena la penalizzazione. Soluzione puntuale e inevitabile, considerati i costi di gestione di un club. Eh già, perchè in Lega Pro il gioco costa più della candela. Una stagione, in media, costa 4,2 milioni di euro a fronte di un fatturato di 3,1. Una spesa insostenibile, specialmente per chi proviene  dalla LND, categoria dove sono sufficienti con 400-600 mila euro. Costi quasi decuplicati.

Lega Pro, conviene iscriversi?

A questo punto la domanda sorge spontanea: conviene iscriversi alla Lega Pro? La risposta potrebbe essere addirittura No. Del resto, che senso ha investire su un palcoscenico dove gli sponsor sono pochi, gli stadi semivuoti, i diritti tv esigui e la possibilità di vincere quasi nulla? Risposta mica facile, specialmente se i proprietari delle società non navigano nell’oro. Il pallone, da queste parti, è spinto da imprenditori legati a territori con risorse limitate. E in un format dove ogni società in media “brucia” 1 milione di euro, gestire un campionato rischia di trasformarsi in una via crucis. Soluzioni? Servirebbe una ferrea cura dimagrante. Insistere su tre gironi a 20 squadre è improduttivo, quasi dannoso. Lo scorso anno il format ha richiesto il ripescaggio di 12 squadre.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

2 Risposte a “Lega Pro destinata al fallimento? Le tante squadre già vittime del sistema”

  1. Si infatti sono proprio i conti del calcio in generale che non tornano. Io per quello che vedo qui negli USA non è così. Si spende tanto ma ci sono dei tetti salariali e il marketing funzioan alla grande. I match di football sono veri eventi familiari…un altro mondo proprio!

  2. Il formato non è conveniente. Le uniche squadre che investono sono nobili decadute che vogliono recuperare e andare in B. Ma in ogni caso è l’intero sistema calcio ad avere un problema di bilanci. Anche nella categoria maggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.