Occhio alla Shrinkflation, la tecnica dei negozianti per fregarci sul prezzo

Cos’è la Shrinkflation? Sembra un termine strano, collegato a uno di quei fenomeni provenienti dall’America. O che rievoca una famosa canzone dei Rolling stones. In realtà, è qualcosa di molto semplice ma che riguarda tutti noi consumatori.

Una tecnica messa in atto dalle attività commerciali – dal centro commerciale al supermercato fino al negozio al dettaglio sotto casa – per fregarci sul prezzo dei prodotti che vendono.

Per primi, sono stati i giornali britannici a parlare del fenomeno, ribattezzandolo appunto “shrinkflation”. I quali hanno ripreso l’allarme dell’Istituto di statistica britannico Ons (acronimo di Office for National Statistics).

Vediamo cosa significa shrinkflation e come .

Shrinkflation cosa significa

Shrinkflation cos'è

Come riporta Consumatori, l’espressione “shrinkflation” nasce dalla fusione di due termini inglesi, ovvero “shrinkage” (“contrazione”) e “inflation” (“rincaro”).

Shrinkflation indica pertanto un processo attraverso cui vengono ridotte le dimensioni dei prodotti di largo consumo mantenendo però sostanzialmente i prezzi invariati se non, come detto, aumentandoli.

Shrinkflation come funziona

Shrinkflation come difendersi

Come detto, i primi a lanciare l’allarme sono stati nell’estate 2017 i tecnici e gli economisti dell’Istituto di statistica britannico (Ons, Office for National Statistics).

Secondo le loro rilevazioni, negli ultimi sei anni in circa 2.500 casi le confezioni di prodotti (soprattutto alimentari e per l’igiene della casa) sono state ridimensionate in peso e quantità. Il tutto, senza ridurre i prezzi. Anzi, in alcuni casi addirittura sono stati aumentati.

La situazione in Italia è stata fotografata da Istat. Secondo L’Istituto nazionale di statistica dal 2012 al 2017 i casi analoghi registrati in mercati, rivendite e super-mercati sono stati 7.306. Nello stesso periodo, di 4.983 prodotti è stato modificato non solo il confezionamento ma anche il prezzo. Le classi di prodotto interessate dal fenomeno della “shrinkflation” sono in totale 11.

I picchi si registrano nel settore merceologico di zuccheri, dolciumi, confetture, cioccolato, miele (in 613 casi diminuzione della quantità e aumento del prezzo) e in quello del pane e dei cereali (788 casi in cui, però, si è riscontrata solo una riduzione delle confezioni). Bibite, succhi di frutta, latte, formaggi, creme e lozioni sono le altre categorie di prodotti a cui è bene prestare particolare attenzione.

Come difendersi

A parte le ultime rilevazioni effettuate da Istat, in Italia ad oggi manca un monitoraggio costante del fenomeno della “shrinkflation”. Il modo migliore per tutelarsi è il “fai da te”, ossia mettere in piedi un sistema di controlli periodici sulle dimensioni (confezione e contenuto) e sui prezzi dei prodotti.

Sebbene poi alla fine possiamo solo cambiare continuamente prodotto, ma ciò si scontra con le nostre abitudini e magari col fatto che con una determinata confezione e marca ci troviamo bene.

Precedente Condominio, ecco 7 modi con cui l’amministratore può fregarti Successivo WhatsApp, come scoprire con chi chattiamo di più

Un commento su “Occhio alla Shrinkflation, la tecnica dei negozianti per fregarci sul prezzo

  1. AvatarMassimo il said:

    A dire la verità il sistema esiste da molto tempo. Lo hanno inventato le case farmaceutiche, che riducono il quantitativo di farmaco e alzano il prezzo della confezione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.