Rami Malek, non solo Freddie Mercury: le precedenti interpretazioni eccellenti

Rami Malek ha lasciato in tanti senza parole, per come ha interpretato Freddie Mercury nel fortunatissimo biopic Bohemian Rhapsody. Uscito come noto a fine 2018. Una interpretazione che gli è valsa l’Oscar come migliore attore protagonista.

Personalmente, Bohemian Rhapsody mi ha molto emozionato. Sebbene, a freddo, mi sia accorto, leggendo sul web, che il film lasci troppo spazio alle licenze poetiche. Che ci stanno, per carità, altrimenti si farebbe un Documentario. Tuttavia, nella fattispecie il regista Bryan Singer abbia un po’ esagerato.

In fondo, produrre un Biopic su una leggenda non è mai facile. Occorre trovare il giusto equilibrio tra la coerenza con la realtà, le aspettative di chi l’ha amata e il gusto commerciale del pubblico. Affinché arrivi a quante più persone possibile e non faccia piangere la casa di produzione in termini di incassi. Bohemian Rhapsody c’è riuscito? Poco, pendendo soprattutto dalla parte dell’ultimo fattore. Risentendo soprattutto del racconto di parte che ne ha dato Brian May.

Il quale negli anni ha avuto pure il coraggio di continuare a pubblicare col marchio Queen senza Freddie Mercury. Il film è emozionante, ti resta. Esalta quanto basta una icona immortale quale è stata Freddie Mercury, trasposto in maniera mostruosa da Rami Malek. Così come mostruosamente uguali sono gli altri membri del film. Su tutte, è proprio la sequenza finale, quella del Live Aid, ha spiazzare di più. Il privato di Freddie Mercury viene ben miscelato col suo profilo pubblico.

Ma torniamo all’attore protagonista, Rami Malek. L’interpretazione di Freddie Mercury è solo l’ultima di una lunga .

Rami Malek film

rami malek

Ecco i vari ruoli interpretati da Rami Malek prima di Freddie Mercury riportate da MSN:

Andy in ‘Una mamma per amica’

Nel 2004, Rami Malek ha ottenuto il suo primo ruolo sul piccolo schermo, interpretando il personaggio di Andy nella quarta stagione di ‘Una mamma per amica’.

Hassan in ‘Over There’

Nel 2005, Malek ha interpretato Hassan, un prigioniero iracheno, in due episodi dello show televisivo di guerra in Iraq ‘Over There’.

Timothy Kercher in ‘Medium’

Sempre nel 2005, durante la seconda stagione della serie TV ‘Medium’, Malek recitò nel ruolo di un paziente psichiatrico.

Kenny in ‘The War at Home’

Malek ottenne finalmente un ruolo ricorrente in uno show televisivo nel 2005, interpretando il personaggio gay Kenny nella serie ‘The War at Home.’ Il suo personaggio è apparso in 21 episodi.

Ahkmenrah in ‘Una notte al museo’

La sua prima apparizione cinematografica è stata nel film ‘Una notte al museo’ del 2006, nei panni del faraone egiziano, Ahkmenrah (il quarto a destra).

Ahkmenrah in ‘Una notte al museo 2 – La fuga’

Tre anni dopo, Malek è tornato sul grande schermo rivestendo i panni del faraone adolescente.

Ahkmenrah in ‘Notte al museo – Il segreto del faraone’

Completando la trilogia al fianco di Ben Stiller, Robin Williams e Owen Wilson, Malek ha ripreso il suo ruolo di Ahkmenrah nel 2014.

Marcos Al-Zacar in ’24’

Mentre recitava il ruolo del terrorista kamikaze Marcos Al-Zacar, in tre episodi della serie TV ’24’ nel 2010, la star Kiefer Sutherland cercava di convincere il personaggio di Malek a non farsi saltare in aria.

PFC Merriell ‘Snafu’ Shelton in ‘The Pacific’

Nella miniserie ‘The Pacific’ (2010), Malek ha avuto modo di mostrare il suo umorismo oscuro nei panni del PFC Merriell ‘Snafu’ Shelton.

Steve Dibiasi in ‘L’amore all’improvviso – Larry Crowne’

Nel film di Tom Hanks ‘L’amore all’improvviso – Larry Crowne’ (2011), Malek fa una breve apparizione nei panni dello studente distratto, Steve Dibiasi.

Watch Officer in ‘Battleship’

In ‘Battleship’ (2012), Malek interpreta Watch Officer.

Clark in ‘The Master’

Nel film ‘The Master’ (2012), Malek critica il personaggio interpretato da Joaquin Phoenix, nelle poche battute a disposizione.

Benjamin in ‘The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 2’

Nel suo primo ruolo da vampiro, Malek interpreta un membro della congrega egiziana in ‘The Twilight Saga: Breaking Dawn – Part 2’ (2012).

Will in ‘Senza santi in paradiso’

Malek ha interpretato un ruolo minore nel film ‘Senza santi in paradiso’ (2013), che racconta la storia di un fuorilegge in Texas.

Nate in ‘Short Term 12’

In questo film del 2013, Malek interpreta un nuovo dipendente che sta ancora cercando di imparare come fare il suo lavoro.

Browning in ‘Oldboy’

In questo remake del 2013 del classico sudcoreano, Malek interpreta un uomo che viene brutalmente assassinato. È il primo film di Spike Lee a cui Malek partecipa.

Dr. Adam Terry in ‘Believe’

Malek ha interpretato il Dr. Adam Terry nel pilot del programma televisivo ‘Believe’ (2013), che è durato solo una stagione.

Finn in ‘Need for Speed’

Il film del 2014, che racconta la storia di un pilota di strada che viene incastrato per un crimine.

Seneschal Higginbottom in ‘Il sangue di Cristo’

Il suo secondo film sui vampiri segna la seconda collaborazione con Spike Lee, Malek interpreta un ruolo secondario in ‘Il sangue di Cristo’ (2014).

Elliot Alderson in ‘Mr. Robot’

A partire dal 2015, Malek ha recitato in questo show televisivo acclamato dalla critica, che racconta di un hacker mentalmente squilibrato che sta tentando di iniziare una rivoluzione.

Buster in ‘Buster’s Mal Heart’

In questo film Malek mostra tutto il suo talento. ‘Buster’s Mal Heart’ è stato il suo primo ruolo da protagonista in un film.

Louis Dega in ‘Papillon’

In questo film del 2017 su un uomo ingiustamente condannato che tenta di sfuggire alla prigione, Malek interpreta un contraffattore che assiste alla fuga.

Flip McVicker in ‘BoJack Horseman’

Nella serie TV animata ‘BoJack Horseman’, Malek interpreta lo sfidante sceneggiatore Flip McVicker nella quinta stagione della fortunata serie di cartoni animati.

Rami Malek chi è

ramy malek vita

Chi è Rami Malek? E’ nato il 12 maggio 1981. Il suo ruolo rivoluzionario è stato quello di hacker informatico Elliot Alderson nella serie televisiva USA Network Robot Mr. (2015-presente), per il quale ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Primetime Emmy Award 2016 come miglior attore protagonista in una serie drammatica.

Nel 2018, ha interpretato Freddie Mercury nel film biografico Bohemian Rhapsody, per il quale ha vinto numerosi premi, tra cui l’Oscar, il Golden Globe, lo Screen Actors Guild Award e il British Academy Film Award come miglior attore in un ruolo da protagonista. È il primo attore del patrimonio egiziano a vincere l’Oscar come miglior attore.

Nato e cresciuto a Los Angeles, in California, da genitori immigrati egiziani, Malek ha studiato teatro all’Università di Evansville nell’Indiana. Ha iniziato la sua carriera da attore con ruoli secondari in film e televisione, tra cui la sitcom della Fox The War at Home (2005-2007), la miniserie della HBO The Pacific (2010) e la trilogia cinematografica Night at the Museum (2006-2014).

Ha fatto il voicework per la televisione e i videogiochi, così come il motion capture per quest’ultimo.

Malek è nato a Los Angeles, il 12 maggio 1981, da genitori immigrati egiziani, Said Malek e Nelly Abdel-Malek. Ha detto di essere anche “un ottavo greco”. I suoi genitori lasciarono il Cairo nel 1978 dopo che suo padre, una guida turistica, fu affascinato dai visitatori occidentali. Si stabilirono a Sherman Oaks, Los Angeles, per lo più nella valle di San Fernando e raramente si avventurarono in Hollywood. Suo padre è un assicuratore, sua madre è un ragioniere . Malek è cresciuto nella fede cristiana copta ortodossa della sua famiglia, ed è cresciuto parlando l’arabo egiziano colloquiale a casa fino all’età di quattro anni.

Malek ha un identico fratello gemello di nome Sami che è più giovane di quattro minuti; è un ESL e insegnante di inglese. La sorella maggiore di Malek, Yasmine, è una dottoressa dell’ER.

I suoi genitori hanno sottolineato ai loro figli l’importanza di preservare le loro radici egiziane, e suo padre avrebbe svegliato suo figlio nel cuore della notte per parlare con la sua famiglia estesa di lingua araba nella loro città natale di Samalut, in Egitto.

Malek trovava difficile assimilare da bambino a causa delle differenze culturali, anche trascorrendo gran parte della sua infanzia a pronunciare il suo nome erroneamente:

“Mi ci sono voluta solo fino alle superiori dove ho trovato la sicurezza di dirlo a tutti, no, il mio nome è Rami. È una cosa molto sconvolgente a cui pensare, che non ho avuto la sicurezza di correggere nessuno a quel punto “.

Di conseguenza, ha detto che era difficile formare un’identità di sé da bambino e gravitare intorno a “creare personaggi e fare voci” mentre cercava uno sbocco per quell’energia. Ha frequentato la Notre Dame High School, ed era nella stessa classe dell’attrice Rachel Bilson. Anche Kirsten Dunst, di un anno più giovane, ha frequentato la scuola, e i due hanno condiviso un corso di teatro musicale.

I suoi genitori serbavano il sogno di diventare un avvocato, quindi si unì al gruppo di discussione. Sebbene abbia faticato a formare argomenti, il suo insegnante di dibattito ha notato il suo talento nell’interpretazione drammatica e lo ha incoraggiato invece a eseguire Zooman e The Sign in una competizione.

Riflettendo sul momento, ha detto,

“Sul palco sto avendo questo momento con mio padre con un gruppo di altre persone [nel pubblico], ma poi ho pensato, wow, sta succedendo qualcosa di veramente speciale qui”.

Era la prima volta che vedeva suo padre diventare emotivo, e la reazione positiva dei suoi genitori alla sua esibizione lo lasciava libero di intraprendere la carriera di attore. Dopo essersi laureato nel 1999, andò a studiare teatro all’università di Evansville a Evansville, nell’Indiana, dove ha conseguito il Bachelor of Fine Arts nel 2003.

Il college ha poi conferito a Malek il premio Young Alumnus 2017, “assegnato a coloro che hanno raggiunto il successo personale e offerto servizi alla propria comunità e a UE.

E’ molto attivo nel sociale e schivo coi media.

Film Bohemian Rhapsody, differenze con la realtà

bohemian rhapsody poster

Come detto nell’incipit, sebbene il film sia emozionante, si differenzia troppo dalla realtà.

In primis l’inizio, che fa già temere in una profonda bocciatura. La pellicola scorre con troppa fretta, tanto che dopo 10 minuti già ci troviamo la band formata.

Della vita privata di Freddie sappiamo poco, così come del fatto che John Deacon si fosse aggiunto solo un anno dopo dalla formazione iniziale, che era inizialmente un trio. Confermando tutto ciò, la eiaculazione precoce della quale troppo spesso soffre il Cinema: quella di arrivare al punto troppo in fretta. Tanto da chiederti: “e cosa farà vedere per il resto del film?”.

Poi ci sono le tante, troppe, licenze poetiche. Abbiamo detto del primo incontro dei membri, al quale va aggiunto il fatto che Mercury già si esibisse nei locali. Inoltre, importunò gli altri due membri per mesi e non bastò una piccola esibizione canora fuori al locale. E poi l’incontro con Mary Austin e il loro rapporto non andarono proprio così.

E ancora, John Deacon ha una presenza molto marginale, quasi come fosse una presenza fastidiosa. Per molti si tratta di una rivalsa di May e Taylor per come sia uscito dalla band alla morte di Freddie.

Anche il licenziamento del manager John Reid e l’allontanamento di Paul Prenter non sono andati così. Come il fatto che la band non si sia mai sciolta, ma ci furono solo dei progetti solisti paralleli. Anche il Live Aid viene enfatizzato come un successo dovuto alla presenza dei Queen. Ma non andò così. Loro diedero un contributo come i tanti altri grandi artisti che si alternarono sul palco.
Infine, volendo sorvolare qualche altra discrepanza con la realtà, resa anche necessaria dal dover romanzare la storia per confezionarla per il cinema, arriviamo all’aspetto più toccante: quando Freddie scopre ufficialmente di avere l’Aids e lo comunica al resto del gruppo. In realtà ciò accade nel 1989 e non prima del Live Aid. Che diventa così per loro l’ultima grande esibizione insieme.

Precedente Salvini trionfa anche in Sardegna: ma a danneggiare i pastori sardi fu proprio la Lega Successivo Patrizio, chi era il Jim Morrison napoletano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.