San Lorenzello, il paese nato sotto le stelle cadenti

San Lorenzello è un comune di 2 202 abitanti sito nella provincia di Benevento. Condivide con la confinante Cerreto Sannita l’arte della ceramica. E’ localizzato alle falde di monte Erbano, alto 1.385 metri.

San Lorenzello storia

San Lorenzello sarebbe stata fondata da Filippo Lavorgna nel IX secolo. Sceso dalla grotta per cercare del cibo per la sua famiglia quando a valle, in località la Cupa, incontrò un gruppo di zingari. Una di loro gli avrebbe chiesto con insistenza di farsi predire il futuro. Per poi sentenziare che fonderà una città e sarà immortale per questo.

Poco tempo dopo arrivò una giovane donna piangendo, di nome Rosita, che chiese aiuto perché suo padre si era si era sentito male. La seguì Rosita sino al rifugio dove ella abitava ma lo trovò senza vita. Il giovane tornato nella sua grotta trovò però tutta la sua famiglia sterminata. La leggenda termina narrando che Filippo e Rosina, la notte del 10 agosto, decisero di fondare un villaggio che intitolarono a San Lorenzo.

Il paese venne citato per la prima volta nel 1151 quando Guglielmo I Sanframondo, figlio del normanno Raone, dichiarò di possedere diversi feudi fra i quali Cerreto Sannita con i casali (centri minori o frazioni) di San Lorenzello e di Civitella Licinio.

Da allora sino al XIX secolo il casale di San Lorenzello seguì le vicende di Cerreto Sannita e nel 1483 divenne possedimento dei Carafa che governarono queste terre sino alla abolizione del feudalesimo avvenuta nel 1806.

Il paese veniva chiamato “San Lorenzo Minore” per distinguerlo dal vicino centro di “San Lorenzo Maggiore“.

Nel 1541 vennero concessi dai feudatari gli Statuti con i quali veniva riconosciuta l’Universitas, l’amministrazione comunale dell’epoca. Nel 1596 contava circa 1.600 abitanti che diminuirono dopo la peste del 1656.

Il terremoto del 5 giugno 1688 distrusse il paese uccidendo il 60% della popolazione (600 su 1000).

Poi arrivarono altre sciagure: la carestia del 1764, un altro forte terremoto del 1805 e il colera del 1837. Dopo l’Unità d’Italia, è entrata a far parte della provincia di Benevento. Da lì ha seguito grossomodo le vicende dei comuni limitrofi.

San Lorenzello cosa vedere

A San Lorenzello è possibile apprezzare varie chiese, mentre lungo il fiume Titerno è possibile apprezzare i resti di un mulino e di diverse strutture che venivano usate per il trattamento dell’argilla e per la lavorazione della ceramica.

Inoltre, c’è il parco di San Sebastiano che da diversi anni ospita la “città dei dinosauri“, un parco didattico con una estensione di oltre 10 000 m².

Per gli amanti della natura c’è infine la “Valle Santa”, dalla quale si può ammirare un ampio e suggestivo panorama sulle valli telesina e titernina.

san lorenzello

Precedente Altro che Nostradamus, chi è W. D. Gann: colui che previde eventi storici e Borsa Successivo Pietraroja e la sua acqua indimenticabile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.