Telecomando addio: ecco tra qualche mese come cambieremo canali con un semplice gesto della mano

Tempo di lettura:   2 minuti

Se dagli anni ‘60 agli anni ‘90 è stato il leader indiscusso dei media, sconfiggendo radio e Cinema, dagli anni 2000 ha perso gradualmente terreno in favore del web. Al punto che ha dovuto adeguarsi essa stessa, diventando smart e prevedendo la connessione ad internet. Parliamo della televisione, ormai degenerata in programmi trash e volgari, con gli spazi culturali ridotti al lumicino e gli eventi sportivi principali (su tutti le partite di calcio) solo a pagamento. Il telecomando è stata per decenni la tecnologia che ci faceva sentire dei Re con uno scettro in mano, per sentenziare la vita o la morte (professionale) di presentatori, ideatori di programmi e direttori di rete.

Tra qualche mese però anche il telecomando passerà – è proprio il caso di dirlo – lo scettro ad una nuova tecnologia. Che lo renderà superfluo e consentirà di gestire la Tv con dei semplici gesti. Ecco come.

Telecomando addio: arriva matchpoint

matchpoint tvCome riporta Libero, a consentire questo salto di qualità è una nuova tecnologia, ideata dai ricercatori dell’università inglese di Lancaster, che ci farà interagire direttamente con i monitor. Il matchpoint, questo è il nome della tecnologia, è basato su una webcam. La telecamera si azionerà con un gesto qualsiasi. A differenza delle attuali tecnologie che richiedono gesti particolari, questo programma non cerca un particolare arto del corpo che ha imparato a identificare, come ad esempio la mano, ma solo il movimento rotante.

Potrete così anche divertirvi. Ad esempio impostando il gesto del dito medio alzato per cambiare canale, così da farlo quando vedrete qualche politico che non vi va a genio. Quasi tutti insomma.

Precedente Allarme privacy: gli Hacker ci spiano anche in casa, ecco come Successivo Altro che Trump o nordcoreano: la Terza guerra mondiale sarà causata dall’acqua, ecco perché

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.