UNA PARTE DI POMPEI FINIRA’ AI PRIVATI

Tempo di lettura:   2 minuti
IL TAR DELLA CAMPANIA HA RIDATO LA PROPRIETA’ DI UN AGRUMETO A UN’ANZIANA DONNA, CHE SORGE PROPRIO IN UN’ANTICA NECROPOLI
Pompei, vergogna senza fine. Specchio di un’Italia che non sa valorizzare le proprie inestimabili risorse culturali. Oltre a cadere continuamente a pezzi, con tante guide turistiche non autorizzate, ora il sito rischia di perdere una parte che potrebbe finire all’asta, e dunque, a privati, anche stranieri. Trattasi della Necropoli che sorge proprio fuori le mura della Porta Stabia, uno degli ingressi all’antica Pompei. Da anni è al centro di una battaglia che, senza esclusione di colpi, va avanti nelle aule di giustizia, fra la proprietaria del terreno e la Soprintendenza Speciale dei Beni archeologici di Napoli e Pompei.

UNA LUNGA VICENDA GIUDIZIARIA– Antonietta Nunziata, 82 anni, proprietaria dell’area dove si trova la necropoli, con due enormi monumenti funerari, ha dato mandato al proprio avvocato, Livio Provitera, di organizzare, con una casa d’asta internazionale, la vendita con trattativa privata del terreno dove si trovano i reperti archeologici. La donna aveva subito alcuni fa l’esproprio del giardino della sua villa nobiliare, un agrumeto di 1.490 metri quadrati, e lo scorso 11 luglio, dopo una lunga battaglia legale, ne è tornata in possesso per effetto di una decisione del Tar della Campania.
Quest’ultimo, infatti, ha ritenuto che la Soprintendenza non ha mai formalizzato in maniera compiuta il decreto di esproprio del terreno, sui quali, nel corso degli anni, sono stati effettuati numerosi lavori e scavi. Proprio durante questi scavi è venuta alla luce la necropoli con i due monumenti funerari. Ieri la nuova puntata della tormentata vicenda: la Soprintendenza ha liquidato alla signora Nunziata 103.000 dei 151.000 euro che il Tar ha stabilito come risarcimento dei danni causati dai lavori di scavo nell’agrumeto e in seguito alla mancata liquidazione dell’intera somma l’avvocato Provitera ha deciso di avviare una nuova azione legale.
POTREBBE FINIRE ALL’ASTA – Inoltre, a fronte della richiesta della Soprintendenza di attribuire alla donna la responsabilità di salvaguardare, vigilare e provvedere al restauro dei beni archeologici presenti nel terreno, ha deciso di avviare la procedura per la vendita all’asta del terreno e, quindi, della necropoli che vi si trova. Completamente opposta è, ovviamente, la posizione della Soprintendenza che ha sempre sostenuto che la procedura di esproprio dei terreni, avviata fin dal 2008, ha subito ritardi a causa e in conseguenza dei continui ricorsi di Nunziata e delle mancate accettazioni dell’indennità di esproprio e di occupazione offerte alla donna.
La stessa Sovrintendenza ha sempre sottolineato che, in ogni caso, il controllo e la tutela dell’area sono, comunque, pienamente garantiti dai provvedimenti di vincolo diretto e indiretto delle strutture archeologiche.

Precedente IL VOLTAFACCIA DI GRILLO SU TELECOM: TRE ANNI FA NE VOLEVA LA CESSIONE, ORA LA CRITICA Successivo DA L'UNITA' A MEDIASET: LA CARRIERA AMBIGUA DI LUCA TELESE

0 commenti su “UNA PARTE DI POMPEI FINIRA’ AI PRIVATI

  1. Cinico il said:

    E allora? Quando uno è in difficolta vende tutto. Come mai sono aumentati i compro-oro? Se non siete in grado di gestirle , vendetele stè macerie. BUFFONI!!!

  2. Sassone il said:

    Dovevano rivolgersi ad un Comune: quando si tratta di espropriare per costruire una strada o una rotonda che non serve a nulla gli riesce bene. Può darsi che in questo caso ci siano stati altri interessi per cui non conveniva fare un esproprio che portasse qualcosa allo Stato…. ovvero a tutti noi.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.