Crea sito

Venezuela derubato del suo Oro da Bank of England: sarebbero serviti per poveri

Dalla morte di Hugo Chavez, in Venezuela sta accadendo quanto si temeva. Il paese è sprofondato nel caos politico ed economico, con la Comunità internazionale che sta facendo di tutto per destituire il suo successore, Nicolas Maduro, e piazzarci un loro burattino: Juan Guaidó.

Il paese, benché sia tra i principali produttori di petrolio al Mondo, sta avendo non poche difficoltà. Sebbene, occorra anche dire che qualche colpa il Caudillo pure ce l’ha.

Dato che ha sicuramente fatto molto dal punto di vista dell’istruzione e della sanità, ma ha di contro pure sprecato molte risorse per finanziare le rivoluzioni in casa d’altri (avrebbe addirittura finanziato anche il M5S nel 2010).

Ma ora per il Venezuela arriva un’altra beffa. Si è visto negato l’oro che ha in deposito presso la Bank of England. Oro che, come ha affermato il Presidente Maduro, sarebbe tornato molto utile anche per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Ecco perché Venezuela si è visto negare l’accesso al proprio Oro e perché è detenuto in Gran Bretagna.

Perché Venezuela non può accedere a proprio Oro

venezuela oro

Come spiega nel dettaglio la BBC, La BoE ha affermato che si è trovata nel mezzo di due richieste rivali per l’oro: una da parte del governo del signor Maduro e una dal rivale del signor Maduro, Juan Guaidó. Che si è dichiarato presidente del Venezuela l’anno scorso. Ottenendo anche il riconoscimento di parte della Comunità internazionale.

Il governo del sig. Maduro ha dichiarato di volere che l’oro finanzi la sua lotta contro la pandemia di coronavirus.

Ma Guaidó ha chiesto alla Banca d’Inghilterra di non consegnare l’oro al governo Maduro, sostenendo che sarebbe stato usato per scopi corrotti.

La Bank of England ha quindi chiesto all’Alta Corte di decidere su chi il governo del Regno Unito riconosce come presidente venezuelano: il signor Maduro o Juan Guaidó.

Nicolás Maduro è stato rieletto per un secondo mandato di sei anni a maggio 2018 in elezioni altamente controverse, che la maggior parte dei partiti di opposizione ha boicottato.

La sua rielezione non è stata riconosciuta dall’Assemblea nazionale del Venezuela controllata dall’opposizione, che ha etichettato Maduro un “usurpatore” e ha sostenuto che la presidenza era vacante.

Citando articoli della Costituzione che in questi casi richiedono l’intervento del leader dell’Assemblea nazionale, Juan Guaidó si è dichiarato presidente ad interim.

Più di 50 paesi hanno riconosciuto Guaidó come presidente legittimo, tra cui il Regno Unito. Ma il presidente Maduro, che ha mantenuto il sostegno della Cina e della Russia, tra gli altri, ha sostenuto che era il presidente costituzionale e sarebbe rimasto tale.

Il presidente Maduro è rimasto nel palazzo presidenziale e ha il controllo della polizia e dei militari, nonché di altre istituzioni chiave come il corpo elettorale e la corte suprema.

Il giudice dell’Alta corte britannica, Nigel Teare, ha dichiarato:

Il governo di Sua Maestà riconosce il sig. Guaidó nella veste di presidente costituzionale ad interim del Venezuela enon riconosce il sig. Maduro come presidente costituzionale ad interim del Venezuela

Ha aggiunto che

non c’era spazio per il riconoscimento di Guaidó come presidente di diritto e di Maduro come presidente di fatto

Un avvocato della Banca centrale del Venezuela – una delle istituzioni saldamente nelle mani del governo Maduro – aveva sostenuto che, sebbene il governo britannico non approvasse il governo Maduro, lo riconosceva di fatto.

Ha sottolineato il fatto che il Regno Unito ha un ambasciatore a Caracas e che l’ambasciatore venezuelano nominato a Maduro a Londra rimane nel suo incarico a Londra come prova del riconoscimento del governo Maduro da parte del Regno Unito.

Un altro avvocato della Banca centrale venezuelana ha dichiarato che la sentenza di giovedì ha completamente ignorato

la realtà della situazione sul campo, affermando che il governo del sig. Maduro era in completo controllo del Venezuela e delle sue istituzioni amministrative

Perché Oro del Venezuela si trova nel Regno Unito

venezuela situazione

La Bank of England è il secondo detentore di oro al mondo, con circa 400.000 lingotti d’oro. Solo la Federal Reserve di New York ne ha di più.

Il Venezuela ha $ 1 miliardo di oro in deposito presso la Banca d’Inghilterra. Ha una delle più grandi volte d’oro del mondo e si vanta di non aver mai rubato oro nella sua storia di oltre 320 anni.

Le banche centrali di un certo numero di nazioni lo usano per conservare le loro riserve auree nazionali e il Venezuela è una di queste.

Nonostante le ricchezze petrolifere del paese, l’economia venezuelana è in caduta libera da anni a causa di una combinazione di cattiva gestione del governo e corruzione, ulteriormente aggravata dalle sanzioni internazionali.

Dato che il Venezuela produce pochissimo a parte il petrolio, deve importare merci dall’estero, per cui ha bisogno di accedere a valuta estera.

Ma con la produzione di petrolio una frazione di quello che era una volta, le riserve di valuta estera del Venezuela sono diminuite.

Il governo Maduro si rivolse alla vendita di alcune delle riserve auree detenute presso la banca centrale in Venezuela ai suoi alleati in Turchia, Russia e Emirati Arabi Uniti.

Ma gli Stati Uniti, che non riconoscono l’amministrazione, l’anno scorso hanno avvertito “banchieri, broker, commercianti e facilitatori” di non trattare “oro, petrolio o altre merci venezuelane rubate al popolo venezuelano dalla mafia del Maduro“.

Secondo quanto riferito, il Venezuela ha continuato a vendere oro al suo alleato Iran, anch’esso soggetto alle sanzioni statunitensi. Ma anche così le sue riserve internazionali hanno raggiunto il minimo di 30 anni all’inizio di quest’anno, hanno rivelato i dati della Banca centrale venezuelana.

Ha un disperato bisogno di valuta forte e vede l’oro immagazzinato nelle casse della Banca d’Inghilterra come soluzione.

Dice che vuole che i fondi vengano trasferiti al Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) per amministrare l’acquisto di forniture come attrezzature mediche per combattere Covid-19.

Ricordiamo anche che la Gran Bretagna si sta macchiando di un’altra ingiustizia: trattiene in carcere senza alcun processo dallo scorso anno Julian Assange. Tradito dall’Ecuador che gli offriva asilo. Ma anche da quanti, in questi anni, avevano promesso di impegnarsi per lui. Tra cui, il Movimento cinque stelle.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Una risposta a “Venezuela derubato del suo Oro da Bank of England: sarebbero serviti per poveri”

  1. Ciao Luca, certo che l’economia mondiale ha davvero troppa paura dei popoli. Più i ricchi sono ricchi e più vorrebbero esserlo, il Venezuela fa gola alle sette sorelle petrolifere evidentemente….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.