Vip morti nel 2019, ultimo Gabriele La Porta: elenco completo

Tempo di lettura:   10 minuti

Chi sono i Vip morti nel 2019? Anche il 2018 ha visto la dipartita di molti Vip, legati a più categorie. Giusto per citare alcune delle dipartite più note, il mondo del Cinema ha pianto la morte del grande regista Bernardo Bertolucci. Autore, tra gli altri, di Ultimo tango a Parigi. Il mondo della musica ha invece pianto la frontgirl dei Cranberries Dolores O’Riordan, morta per una overdose di farmaci a Londra.

E ancora, il mondo dello sport ha visto la morte, tra gli altri, e pure prematura, di Davide Astori. Capitano della Fiorentina e difensore della nazionale. Morto a 31 anni per motivi collegati al cuore ma non ancora del tutto chiariti.

A chiudere il triste elenco è stato Norman Gimbel. Autore di diverse musiche molto famose, come ad esempio la sigla della Serie Tv cult anni ’70. L’elenco completo potete visionarlo qui.

Chi sono i Vip morti nel 2019? Il primo a morire è stato Gabriele La Porta. Di seguito l’elenco completo continuamente aggiornato.

Vip morti 2019, attori e registi

william sheppardL’8 gennaio è morto William Morgan Sheppard, attore britannico celebre per tante partecipazioni popolarissime serie tv. Si è spento a 86 anni dopo una lunga malattia. Nella sua carriera ha interpretato, tra gli altri, ben quattro personaggi diversi nella saga di “Star Trek”, è stato Canton Everett Delaware III in “Doctor Who” e ha recitato in tantissime serie tv da “Criminal Minds” a “Cold Case”. E’ stato anche un grande interprete teatrale.

teodosio lositoIl 9 gennaio è morto lo sceneggiatore Teodosio Losito, noto per fiction di successo, tutte trasmesse sulle reti Mediaset, come L’onore e il rispetto, Il bello delle donne, Caterina e le sue figlie, Il peccato e la vergogna, Io ti assolvo e Baciamo le mani. Scomparso all’età di 53 anni, è stato trovato morto nella sua abitazione: in ambienti investigativi interpellati dall’ANSA si propende per l’ipotesi del suicidio. Scomparso all’età di 53 anni, è stato trovato morto nella sua abitazione: in ambienti investigativi interpellati dall’ANSA si propende per l’ipotesi del suicidio.

Paolo Paoloni FantozziIl 9 gennaio è morto Paolo Paoloni, noto ai più come il Mega Direttore Galattico che umiliava il povero Fantozzi. Aveva 90 anni. Originario di Ancona ma nato in Svizzera venne scoperto da Luciano Salce, con il quale recitò in numerose pellicole a partire dal 1968. La popolarità la raggiunge interpretando il Megadirettore Galattico, macchietta portata agli eccessi del capo di un’azienda, la Balabam. Talmente inarrivabile tanto era il suo potere in ditta, da essere quasi una figura mitologica. La sua carriera cinematografica non finisce però con Fantozzi. Ha interpretato in particolar modo commedie, ma ha anche partecipato a film dell’orrore come Cannibal Holocaust, La casa nel tempo e Fairytale. Molto attivo anche in televisione, ha fatto parte del cast della serie Nebbia in Val Padana, del 2000, in cui interpretava il maggiordomo della villa di Cochi & Renato. In tempi recenti lo si era visto anche in Don Matteo, un episodio nel 2006 ed uno nel 2011.

carol channingIl 16 gennaio è morta Carol Channing, una leggenda di Broadway. Tre Tony Awards incluso quello alla carriera, un Golden Globe, una candidatura all’Oscar e quattro mariti, la Channing è morta nella notte nella sua casa di Rancho Mirage in California. Avrebbe compiuto 98 anni il 31 gennaio, ha detto la portavoce B. Harlan Boll confermando il decesso per cause naturali. Carol nel corso del 2018 aveva avuto due ictus.

dick millerIl 31 gennaio è morto Dick Miller, 90 anni. Da Terminator a Gremlins, da Supermarket horror a Route 666, sono decine i film a cui è associato il suo volto. Noto per il suo ruolo di Murray Futterman nel film horror del 1984 «Gremlins», aveva alle spalle una carriera di oltre sessanta anni. Miller vanta centinaia di apparizioni sullo schermo, a partire dagli anni ‘50 con il leggendario regista e produttore Roger Corman. Fu allora che interpretò il ruolo di Walter Paisley nel cult «A Bucket of Blood», prima di entrare nel cast di film indimenticabili come «The ‘Burbs«, «Fame» e .

bruno ganzIl 16 febbraio è morto l’attore Bruno Ganz. 77 anni. Con lui se ne va un grandissimo attore di cinema e teatro, molto amato dal pubblico internazionale e riconosciuto dalla critica di settore. Indimenticabile la sua interpretazione del dittatore Adolf Hitler ne “La caduta”, 2004. Ripresa in più parodie sui Social. Sotto la regia di Wim Wenders si ricordano “L’amico americano” 1977 e “Il cielo sopra Berlino” 1987. Ha lavorato inoltre sui set di registi come Eric Rohmer, Volker Schloendorff e Werner Herzog. Ganz va ricordato anche come interprete teatrale (con lavori fra l’altro di Goethe e Brecht). Era figlio di un operaio svizzero e di una mamma italiana. E’ morto a Zurigo.

franco rosi telegattoneIl 17 febbraio è morto Franco Rosi, 75 anni. Attore e soprattutto grande imitatore, allievo di Alighiero Noschese. Rosi è stato tra l’altro la voce del gatto più famoso della tv italiana, «il supertelegattone» («Sono il Telegattone… maaaaaaoo!», ndr) e della palla psichedelica nel popolare programma degli anni ’80 e ’90 Superclassifica Show, condotto da Maurizio Seymandi. Celebri le sue imitazioni di Luciano Salce, Enrico Montesano, Corrado , Mike Buongiorno, Franco Franchi, Morandi e tantissimi altri.

Vip morti 2019, altri ruoli

gene okerlundIl 2 gennaio è morto Gene Okerlund, detto Mean. Aveva 76 anni. Impossibile non vederlo accanto ad Hulk Hogan, André The Giant, Roddy Piper e tutti i grandi degli anni 80 del wrestling. L’intervistatore più famoso della storia del wrestling ha condotto parecchi show: All-American Wrestling, Tuesday Night Titans, Wrestling Challenge e Prime Time Wrestling. Nel 2006 era stato inserito nella Hall of Fame della Wwe. Nel 1989 fu protagonista di un simpaticissimo episodio rimasto nella storia: durante Summerslam 1989, mentre intervistava Rick Rude e il manager Bobby Heenan, Gene si spaventò mentre cadde l’insegna del pay per view e imprecò in diretta televisiva.

paola nappi raiL’8 gennaio è morta Paola Nappi, giornalista livornese del Tgr Rai della Toscana e del Tg3, a 55 anni. Era malata da tempo, dopo un malore che la colpì nel 2012, proprio mentre stava lavorando da inviata all’isola del Giglio per il naufragio della Costa Concordia. Si trovava sulle scale di una chiesa dell’isola toscana in attesa di assistere alla messa in memoria delle vittime quando cadde, priva di sensi: fu ricoverata d’urgenza, in terapia intensiva.

Precedente 1999, un’ottima annata calcistica: tutti i talenti nati quest’anno Successivo I POLITICI E LE LORO STRAMBE SOMIGLIANZE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.