Obama si aggiunge agli oratori di sinistra strapagati per parlare: quanto percepisce e altri casi

Cosa ne pensi?

Ormai è una tradizione. Finisco il mio mandato da Premier o da Ministro di un Paese e inizio a fare discorsi ben pagati in giro per il Mondo. Parlando magari di fame nel Mondo o di ricette per superare le crisi economiche di turno. Un mestiere che ha iniziato con fervore anche Barack Obama, dallo scorso gennaio non più Presidente degli Stati Uniti. Altro oratore di sinistra che si aggiunge ad una lunga lista di quanti si professano paladini dei più poveri ma poi non disdegnano cachet da favola per i propri discorsi. La lista diventa sempre più lunga, per cifre vergognosamente da capogiro.

D’altronde, Barack Hussein Obama (con l’Hussein rigorosamente mai citato in questo clima teso per il terrorismo) quando era ancora Presidente così aveva preso in giro Hillary Clinton per i cachet a sei cifre che l’ex segretario di Stato aveva ricevuto per parlare a eventi organizzati dalle banche di Wall Street: “Se questa cosa va bene, lo farò l’anno prossimo“. Ed è stato di parola. Ecco quanto sta percependo e gli altri casi di altri personaggi.

Barack Obama, un oratore a peso d’oro

Come riporta America24, Barack Obama subito dopo aver finito il mandato, oltre a farsi fotografare in giro sorridente in costume, ha accettato di parlare a un evento organizzato dalla banca di investimento Cantor Fitzgerald. La quale lo ha pagato ben 400.000 dollari. Come riporta l’emittente Cnbc, Obama terrà il discorso principale durante la conferenza annuale sulla sanità, in calendario a settembre. Prima di quell’evento, comunque, Obama ha partecipato ieri ad un altro evento: il Seeds&Chips, che si sta svolgendo in Fiera Rho-Pero a Milano. Come riporta Il Giornale si è dovuto mettere mano al portafogli per sentir parlare l’ex presidente sul tema del cibo. E la cifra necessaria è da far saltare le coronarie: 850 euro. Tanto costa il ticket “Vip platinum” per la manifestazione, grazie al quale si potrà assistere non soltanto al discorso di Obama, ma pure a un serei di altre conferenze e accedere alla Vip lounge indisturbati.

Una somma notevole, se si considera che per visitare il Seeds&Chips di euro ne basteranno 50 e che un pass di quattro giorni per le conferenze ne costa 450. A disposizione degli interessati al discorso ci sono 3500 posti, ma nonostante il prezzo non esattamente abbordabile di liberi ne sono rimasti ben pochi. Il cachet di Obama per la comparsata non è emerso sul web, ma, considerando che solo per il suo discorso di 45 minuti il prezzo è quasi raddoppiato, sicuramente non sarà da poco. Nanopress ci ricorda poi come l’ex presidente e la moglie Michelle erano già stati al centro dell’attenzione mediatica per i 65 milioni di dollari pagati dalla casa editrice Penguin Random House per le loro due autobiografie degli anni alla Casa Bianca. Cifra che aveva fatto storcere il naso a molti.

Comparsate che continueranno negli anni, e arrotonderanno la sua pensione federale da oltre 200mila dollari all’anno. Come riporta Il fatto quotidiano, L’ex leader della Casa Bianca, inoltre, avrà per legge uno staff e l’ufficio pagato, come anche le spese di viaggio e postali, oltre che un’assistenza sanitaria e la protezione a vita del Secret Service, l’agenzia federale che si occupa della famiglia presidenziale. Insomma, parla di crisi economiche e problemi legati alla fame nel Mondo. Problemi che non riuscirebbe a vedere neanche con un binocolo. Il tutto, avendo solo 55 anni.

Non solo Obama: altri oratori di sinistra ben pagati

Restando sempre nel Partito democratico americano, anche i coniugi Clinton ne sanno qualcosa di discorsi ben pagati. Per l’evento citato nell’incipit a cui ha partecipato la Clinton, quest’ultima ha ricevuto 225.000 dollari. Ancora, per raccogliere fondi da destinare alla campagna elettorale di Hillary Clinton, si era mobilitata mezza Hollywood, a partire da George Clooney. L’attore aveva organizzato una cena elettorale a San Francisco dal costo di 350mila dollari per un tavolo da due. Come se i due ne avessero bisogno. Il marito Bill, che ha finito il suo mandato nel 2001, da sedici anni va in giro a suon di milioni per predicare su clima e alimentazione. Sulla stessa scia anche il suo Vice Al Gore, specializzatosi in emergenza climatica. Tra film, convegni e lezioni accademiche. Come si sol dire: piove, governo ladro.

Precedente Aumentano avvistamenti di occhi giganti nel cielo: le foto inquietanti degli ultimi casi Successivo Quarant’anni fa in Nuova Zelanda fu pescato un mostro: la storia che pochi conoscono

3 thoughts on “Obama si aggiunge agli oratori di sinistra strapagati per parlare: quanto percepisce e altri casi

  1. mstatus il said:

    Sugli 850 euro che fanno tanto ostentazione in società: se dovessi scegliere tra spendere 850 euro per andare a sentire Obama, e il Wellcum, opterei per il Wellcum. Probabilmente chi ci è andato, ha talmente tanti soldi che potrebbe optare per entrambi, ma per quanto mi riguarda potrei solo scegliere tra uno dei due eventi. 🙂

  2. Silvestrino il said:

    Messa così sembra una notiziona.
    L’ex presidente George W. Bush tiene discorsi per cifre che variano tra i 100 mila e 175 mila dollari: “”Politico”” ha calcolato che nel solo 2009 sono stati circa duecento: non bisogna essere dei matematici per capire che questo «lavoro part-time, che richiede qualche ora di presenza su un palco» è valso all’ex presidente diversi milioni di dollari.
    Donald Trump è riuscito a farsi pagare un milione e mezzo per un semplice discorso (ma era il 2007, un anno pre-crisi, e Trump non era ancora entrato in politica).
    La tradizione di ex presidenti che parlano dietro compenso è cominciata quarant’anni fa, con Gerald Ford.
    A quei tempi, Ford fu criticato per avere tratto profitti dal suo ex impiego alla Casa Bianca. Lui si difese dicendo che, in quanto privato cittadino, aveva tutto il diritto di sfruttare la sua immagine come preferiva: da allora quello fu lo standard. Un decennio più tardi, nel 1989, Ronald Reagan riuscì a guadagnare due milioni di dollari, tra discorsi pubblici e interviste concesse a pagamento, durante un viaggio di otto giorni in Giappone. Poco meno di quello che Hillary ha guadagnato in tre anni.

    • Ma infatti io sottolineo il fatto che a farlo siano anche i sinistroidi che si aizzano a paladini dei più poveri. Percepiscono tutti quei soldi per parlare di fame nel Mondo. I soliti ipocriti. Che lo facciano i vari Bush, Trump e Reagan non mi meraviglia, anzi

Lascia un commento

*